Quantcast

Bordighera, cresce ancora la rete di sentieri ciclo-pedonali

La giunta comunale ha infatti approvato in linea tecnica il progetto e studio di fattibilità tecnico economica – definitivo per la riqualificazione ed il ripristino del percorso di collegamento ciclo-pedonale zona di lancio “parapendio” - Montenero - Colle della Lisega

Bordighera. Continua il percorso di valorizzazione della rete sentieristica ciclo-pedonale sulle colline della Città delle Palme. La giunta comunale ha infatti approvato in linea tecnica il progetto e studio di fattibilità tecnico economica – definitivo per la riqualificazione ed il ripristino del percorso di collegamento ciclo-pedonale zona di lancio “parapendio” – Montenero – Colle della Lisega.

Si concretizza così il protocollo d’intesa tra i Comuni di Bordighera e Vallebona, siglato con l’obiettivo di unire i relativi comprensori sentieristici. Più in dettaglio l’intervento, che mira al ripristino dello stato dei luoghi, all’accrescimento del prestigio ambientale dell’ecosistema locale e alla tutela dell’habitat, interesserà: il sentiero di collegamento tra l’area di lancio “parapendio” (quota 538 m.) e la vetta di Montenero (quota 606 m.); il sentiero del versante nord-est di Montenero, tra la vetta ed il sottostante passo della Lisega (quota 540 m.).

«Si tratta di una zona in cui attualmente il passaggio è reso particolarmente difficile, tra l’altro, dalle caratteristiche del fondo e dalla ripidità del pendio. Le attività di recupero, ripristino e miglioramento, oltre a concentrarsi su tali aspetti, prevedono anche la posa di pannelli e bacheca informativa commenta il sindaco Vittorio Ingenito – Sono davvero convinto che la rete sentieristica, per biking ed hiking, e le attività outdoor siano una grande opportunità per lo sviluppo turistico del territorio, anche in ottica di destagionalizzazione. Per questa ragione, dopo aver lavorato sui percorsi di Montenero, è diventata fondamentale la cooperazione con i Comuni limitrofi: insieme possiamo far crescere un comprensorio unico per ampiezza, varietà di percorsi, bellezza del contesto paesaggistico».​