Quantcast

A Imperia torna la Notte Bianca in formato (quasi) tradizionale, ma sarà proibito ballare

Per il concerto in piazza Mameli opzionati i "Maxmania" cover band di Max Pezzali degli 883, personaggio legato alla città. Caratto: «Un sogno averlo sul palco»

Imperia. Il Civ di Porto Maurizio scalda i motori in vista della Notte Bianca: la data è già fissata, sabato 21 agosto e si stanno definendo i dettagli della manifestazione della durata di un giorno che storicamente attira il maggior numero di visitatori della città.

Il presidente del Civ Riccardo Caratto riunisce a cadenza ormai stretta i suoi collaboratori e consulenti perché organizzare manifestazioni in tempo di post pandemia è particolarmente complicato. «Occorre – spiega Carattoosservare rigidamente i protocolli nazionali e regionali che tra l’altro mutano e potranno ancora essere modificati prima dell’evento. Le responsabilità per gli organizzatori sono rilevanti».

Lo scorso anno venne allestita una edizione ridotta, con ingressi contingentati e musica in filodiffussione. La principale “novità” della Notte Bianca 2021 sarà il ritorno delle band in carne ed ossa. «Gli spettatori- prosegue Riccardo Caratto – potranno assistere alle esibizioni ai tavoli dei dehor  e dei punti ristoro seduti sulle sedie con opportuno distanziamento, ma il pubblico che passeggia non potrà fermarsi in piedi ad ascoltare la musica ma defluire e non si potrà ballare. A meno che, nel frattempo, non intervengano provvedimenti in senso contrario, come l’apertura delle discoteche, per cui il concetto potrebbe essere allargato alle feste di piazza».

Per quanto riguarda il perimetro della manifestazione, sempre per motivi di sicurezza legati al covid dovrebbe essere ridotto, non contemplando la Foce che negli ultimi anni si era aggregata e via Strafforello, concentrando le performance degli artisti nel centro storico.

E il concertone di piazza Mameli? «Al momento– risponde Carattoè in forse. In base al protocollo in vigore, in uno spazio come quello di piazza Mameli potrebbero assistere  al concerto 400 persone su 1.1110 posti disponibili, sedute e distanziate. Le sedie, per motivi di sicurezza non possono essere singole ma unite. Non sarebbe nemmeno un bel colpo d’occhio».

Il Civ portorino, comunque, si è portato avanti e non volendo farsi trovare impreparato ha opzionato il gruppo “MaxMania Tribute Band”, cover di  Max Pezzali degli 883 che si esibisce con uno sfondo che riproduce tutte le storie e la carriera del celebre cantante originario di Pavia esploso all’inizio degli anni Novanta ma ancora sulla breccia.

«Allo studio ci sono anche ipotesi di location diverse, vedremo nelle prossime settimane. Per quanto riguarda i contenuti artistici già definiti abbiamo deciso di privilegiare gruppi locali che sono dovuti rimanere fermi per molto tempo», precisa il presidente del Civ.

Il sogno, se ci fosse la possibilità di tenere il concerto, è quello di avere sul palco Max Pezzali in  persona il cantante pavese di “Hanno ucciso l’Uomo ragno” e Nord, Sud, Ovest, Est“, infatti, da qualche anno privilegia Imperia e i bagni alla Marina per le sue vacanze in Riviera.

«Sarebbe veramente un sogno averlo sul palco anche solo per un saluto alla città. Ci stiamo lavorando ma al momento è ancora tutto prematuro», conclude Riccardo Caratto.