Quantcast

Ventimiglia, tenta furto in un locale sul lungomare: arrestato dai carabinieri

Occupazione abusiva nella città alta, i carabinieri allontanano 5 irregolari

Più informazioni su

Ventimiglia. I militari dell’Aliquota Radiomobile della Compagnia intemelia, nelle fasi di presidio del centro cittadino e dell’area del lungomare, hanno arrestato un 42enne algerino per il furto di uno zaino all’interno di un’autovettura. L’uomo, colto in flagranza di reato e in possesso di alcune dosi di stupefacente, ha tentato di darsi alla fuga a bordo di una bicicletta, risultata anch’essa rubata la sera precedente.

Dopo il rito direttissimo è stato sottoposto all’obbligo di firma che, tuttavia, non lo ha dissuaso: a poche ore di distanza si è reso responsabile anche del furto di un cellulare dall’interno di un’abitazione, venendo denunciato all’Autorità Giudiziaria. La perdurante presenza dei militari nelle menzionate aree ha consentito loro, nel corso della notte successiva, di intervenire cogliendo un individuo che si era introdotto in un locale sul lungomare dopo aver infranto la vetrina della porta d’ingresso per tentare di rubare. Sorpreso dai carabinieri, intervenuti su segnalazione, a conferma della validità della sempre sostenuta collaborazione, pur avendo tentato la fuga, è stato fermato e arrestato: si trattava dello stesso individuo già arrestato e denunciato nei giorni precedenti. Nella concitazione degli eventi, il nordafricano – tentando di sottrarsi alla cattura – si è tagliato ad un piede danneggiando il vetro di un lucernaio ed è stato successivamente sottoposto alle cure necessarie presso l’ospedale. L’arresto è stato convalidato e l’Autorità giudiziaria ha disposto il divieto di dimora nelle province di Imperia e Savona.

Le articolazioni dell’Arma del Comando Provinciale, già dai primi passi delle “riaperture” e – di conseguenza – della maggior mobilità ad essa connessa, hanno amplificato il numero dei servizi da dedicare al controllo del territorio in tutte le aree della provincia, procedendo a concentrarne la presenza non tanto in determinati settori, bensì in fasce orarie ritenute di maggior interesse e delicatezza, nonché rivolgendo l’attenzione ad alcuni fenomeni. Nell’ambito della mirata manovra di controllo del territorio il personale della stazione di Ventimiglia Alta, nel sorvegliare le abitazioni lasciate incustodite – perché sfitte o “case vacanza” in zone periferiche della città – ha sorpreso cinque stranieri irregolari in un immobile in corso di ristrutturazione abusivamente occupato: si erano introdotti nell’appartamento dopo aver forzato la porta d’ingresso e sono stati conseguentemente segnalati all’Autorità Giudiziaria. Uno di questi, un diciannovenne tunisino, al termine delle procedure di identificazione è stato arrestato poiché destinatario di un’ordinanza di custodia cautelare per una rapina commessa ai danni di un connazionale lo scorso gennaio.

Più informazioni su