Quantcast

Ventimiglia, parcheggia auto in stazione e viene aggredito da questuante: il racconto

L'avvocato ringrazia i carabinieri per l'intervento

Ventimiglia. Aveva appena parcheggiato l’auto in piazza della stazione e tornava a casa dal lavoro, quando è stato avvicinato e aggredito da uno straniero, con ogni probabilità europeo, che gli ha chiesto dei soldi. A raccontare l’episodio, avvenuto ieri sera, è l’avvocato ventimigliese Marco Mazzola.

«Avevo parcheggiato l’auto in piazza: una cosa che, tra l’altro, non faccio mai – dichiara il legale – Quando mi si è avvicinato un uomo senza mascherina, che mi ha detto: ‘Dammi i soldi’». A quel punto Mazzola gli risponde di mettersi la mascherina e gli chiede di cosa avesse bisogno. Ma lo straniero inizia ad inveire: «Bastardo, non ho bisogno di niente, ti spacco la faccia». Nel mentre, l’uomo continua ad avvicinarsi in maniera provocatoria. «Era molto violento e provocatorio – racconta l’avvocato – E io ho dovuto mantenere la calma per non reagire. Per fortuna, quando siamo arrivati all’altezza della piazza, c’era un blindato dei carabinieri e lui ha, comunque, continuato a inveire e a insultarmi. I carabinieri lo hanno poi allontanato, ma da quello che ho capito si trattava di un soggetto già noto alle forze dell’ordine».