Quantcast

Sanremo, stagione balneare 2021: l’interpellanza di Fratelli d’Italia

«Quali provvedimenti, ovvero quali iniziative, siano previste per diminuire il più possibile i tempi della burocrazia, e consentire alla città di accogliere i turisti con tutto l’intero litorale attrezzato»

Sanremo. L’interpellanza presentata dai consiglieri comunali di Fratelli d’Italia Federica Cozza e Luca Lombardi in merito alla stagione balneare 2021:

«I sottoscritti consiglieri comunali, premesso che il comune di Sanremo è titolare di diverse concessioni demaniali marittime relative al mantenimento sul territorio comunale di spiagge libere attrezzate e che, al fine di gestirle in modo ottimale, affida le suddette spiagge a gestori professionali, solitamente per periodi pluriennali, mediante diverse procedure di gara d’appalto;

Riscontrato che nel mese di settembre 2020 sono scadute alcune di queste dopo un periodo di gestione anni 4+3; Considerato che 7 anni sono sufficienti per predisporre una nuova gara per assegnare senza urgenza e consentendo a tutti i pretendenti una ragionevole partecipazione;

Atteso che allo scadere del contratto l’amministrazione comunale non ha provveduto, come avrebbe dovuto, a predisporre un adeguato incanto che permettesse alle aziende concorrenti di prepararsi adeguatamente ed alla città di non rischiare di non vedere importanti tratti di costa ancora in allestimento a stagione iniziata;

Appreso che l’amministrazione comunale con enorme ritardo ha provveduto ad indire tale gara con consegna delle offerte al 27.4.21 ovvero ben 7 mesi dopo la scadenza naturale dei contratti e a circa un mese dell’inizio della stagione balneare

Interroga il sindaco e la giunta per conoscere quali provvedimenti, ovvero quali iniziative, siano previste per diminuire il più
possibile in via straordinaria i tempi della burocrazia, e consentire alla città di Sanremo di accogliere la stagione balneare 2021 con tutto l’intero litorale attrezzato, evitando il rischio di offrirlo ai turisti della nostra città incompiuto in un periodo particolare, come quello di quest’anno, in cui l’offerta turistica dovrà necessariamente essere ancor più ampia ed attrattiva includendo quindi l’operatività di tutte le spiagge comunali».