Quantcast

Sanremo, Alessandro Il Grande: «Sicurezza, più vigili e 110 telecamere in città»

Il presidente del consiglio comunale annuncia anche provvedimenti disciplinari per i dirigenti che non si presenteranno alle sedute

Sanremo. Il presidente del consiglio comunale di Sanremo Alessandro Il Grande, ospite dei nostri studi, fa il punto sul ruolo istituzionale che ricopre e fa il bilancio numerico delle riunioni che si sono tenute durante il secondo mandato del sindaco Alberto Biancheri iniziato nel 2019: 28 sedute destinate a salire a 30 entro entro la fine del mese essendo in programma nei prossimi 10 giorni 2 consigli comunali che Il Grande definisce «importanti» e che potrebbero tornare a svolgersi in presenza o con una formula “mista”.

alessandro il grande collage

Il Grande pur svolgendo una funzione istituzionale di garanzia nel parlamentino, in prima persona, affiancando il sindaco Biancheri, si occupa di sicurezza e anche grazie alla sua attività istituzionale sono stati presi importanti provvedimenti. «Erano previste due sole assunzioni ma a seguito di una riunione abbiamo deciso di aumentarle a 6 e dal 15 giugno ci saranno, inoltre, 8 agenti stagionali in più. Proprio nei prossimi giorni verrà assegnata alla ditta incaricata l’installazione di  altre 110 telecamere, di cui 64 lungo la pista ciclabile», spiega il presidente del consiglio del parlamentino matuziano.

Il potenziamento del Comando vigili è stato possibile anche in ragione di una attenta gestione delle risorse destinate per il personale.

Sulla presenza dei dirigenti dei diversi settori di palazzo Bellevue durante le sedute di consiglio, Alessandro Il Grande conclude: «E’ stata una richiesta dei consiglieri di minoranza ma anche di maggioranza. Ho ritenuto che fosse una richiesta giusta, doverosa, in quanto i dirigenti sono una parte importante dell’amministrazione e pertanto è giusto che presenzino e diano dei chiarimenti ai consiglieri di maggioranza o di opposizione, se richiesti. Per questo abbiamo cambiato il regolamento facendo in modo che sia un obbligo la presenza per quanto riguarda la discussione delle pratiche del dirigente competente. Se qualche dirigente che avrebbe dovuto essere presente non ci sarà, chiederemo che venga fatto un provvedimento disciplinare».