Quantcast

E’ morta Carla Fracci, l’étoile della danza italiana: indimenticabile l’imitazione di Virginia Raffaele al Festival di Sanremo 2016

Nel 2015 fu ospite ai Martedì Letterari nel Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo

Sanremo. Il mondo della danza è in lutto per la scomparsa di Carla Fracci, che con i suoi passi e la sua eleganza ha conquistato il mondo. Dopo una lunga battaglia contro un tumore, l’étoile della danza italiana è morta oggi a Milano all’età di 84 anni.

Nel maggio del 2015 Carla Fracci fu ospite dei Martedì Letterari nel Teatro dell’Opera del Casinò di Sanremo dove si raccontò presentando il suo volume intitolato “Passo dopo passo-La mia storia”, accompagnata dal regista Beppe Menegatti. Inoltre nel 2016 la comica Virginia Raffaele, durante una serata del Festival di Sanremo, fece un’imitazione della nota ballerina, riproducendone le tipiche movenze e la voce, per la quale ricevette i complimenti da Carla Fracci in persona.

La Scala è stata la seconda casa di Carla Fracci. Ha danzato con vari ballerini, tra i quali Rudolf Nureyev, Vladimir Vasiliev, Henning Kronstam, Mikhail Baryshnikov, Marinel Stefanescu, Alexander Godunov, Erik Bruhn, Gheorghe Iancu, Roberto Bolle e Jacqueline De Min, che aveva una scuola di danza a Vallecrosia. Carla Fracci fu definita nel 1981 dal New York Times come “prima ballerina assoluta” per aver regalato momenti indimenticabili agli spettatori interpretando diversi ruoli, sia romantici che drammatici, quali Giselle, La Sylphide, Giulietta, Swanilda, Francesca da Rimini e Medea.

«In punta di piedi, con la sua arte e la sua eleganza, è diventata un’icona mondiale della danza e motivo di orgoglio italiano. Addio Carla, indimenticabile e splendida étoile!». Con queste parole il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti ha voluto ricordare la regina della danza italiana.

La camera ardente di Carla Fracci sarà allestita nel foyer del teatro milanese, domani dalle 12 alle 18, mentre il funerale si svolgerà sabato alle 14:45 nella basilica di San Marco.