Quantcast

Sanremo, vanificate dalle uscite con Quota100 le assunzioni nel corpo dei vigili. I sindacati chiedono nuovi rinforzi

Dal 2019 ad oggi hanno lasciato per raggiunti limiti di età 17 unità, a fronte di sole 8 assunzioni

Sanremo. Sono state di fatto vanificate dagli effetti di Quota100 le recenti assunzioni nel corpo di polizia locale della Città dei Fiori. In tutto circa 8 unità, assunte a seguito di concorso pubblico al termine dello scorso anno, a fronte di 17 uscite dal 2019 ad oggi. A denunciarlo sono le sigle sindacali Cigl, Cisl, Uil e Sulp che questa mattina hanno scritto al sindaco Alberto Biancheri, al segretario comunale Tommaso La Mendola e al comandante dei vigili Claudio Frattarola, per chiedere una revisione del piano sui fabbisogni del personale di Palazzo Bellevue.

«Le sottoscritte organizzazioni sindacali, in mento alle assunzioni nel Corpo di Polizia Locale, considerato che negli ultima anni, per i tanti pensionamenti, il numero degli effettivi in servizio si è ridotto drasticamente e che tra il 2020 e la fine 2022 saranno 17 gli operatori cessati, crediamo sia assolutamente non idonea la previsione contenuta nel piano delle assunzioni, approvato con deliberazione della Giunta n. 56 del 23 03 2021 di solo 4 unità a tempo indeterminato tra il 2021 e 11 2022. Si ritiene opportuno, prevedere un numero superiore di assunzioni a tempo indeterminato, anche considerato il recente concorso bandito ed espletato a Sanremo e alla luce delle deroghe di legge previste per le assunzioni di personale della Polizia Locale», si legge nella missiva firmata dai sindacati.

Ad entrare nei dettagli della situazione è Daniele Aloe, referente Cisl: «Leggendo il piano assunzionale approvato nei mesi scorsi abbiamo visto che per quanto riguarda il corpo di polizia locale sono previste sole due assunzioni quest’anno, due nel 2022 e altre due nel 2023. Troppo poche, a nostro avviso, visto che dal 2019 ad oggi si sono perse ben 17 unità. Con sei ingressi in tre anni non risolveremo sicuramente il problema della mancanza di personale che oggi  vede 59 agenti (di cui poco più della metà abilitata al servizio su strada, ndr), quando la pianta organica del Comune ne prevederebbe 80. Il nostro intento non è fare polemica, ma segnalare un deficit che rischia di aggravarsi con i prossimi pensionamenti», conclude Aloe.