Quantcast

San Bartolomeo al Mare, incendiano abitazione dei vicini: carabinieri arrestano madre e figlio foto

I fatti nella notte del 2 marzo

San Bartolomeo al Mare. Una donna di 53 anni e il figlio 21enne, rimasti feriti nell’incendio verificatosi il 2 marzo scorso in un’abitazione di piazza Giuseppe Versi, San Bartolomeo al Mare, sono stati arrestati dai carabinieri e trasferiti in carcere con l’accusa di aver intenzionalmente appiccato le fiamme nella casa del vicino.

I fatti. Erano le 4 dello scorso 2 marzo, quando le fiamme, partite da un appartamento all’ultimo piano, avvolsero una palazzina di piazza Versi, provocando una deflagrazione in cui madre e figlio rimasero ustionati. I vigili del fuoco intervenuti per domare l’incendio evacuarono anche un’abitazione limitrofa, mentre la circolazione stradale fu interdetta per ragioni di sicurezza.
I carabinieri di Diano Marina, intervenuti sul posto, esclusero fin dalle prime battute l’ipotesi accidentale, verificando già come alcuni alcuni elementi di riscontro fossero discordanti.

Le indagini. Le attività svolte sotto la costante direzione della Procura della Repubblica di Imperia hanno infatti permesso di acclarare come, all’origine, vi fossero dissapori mai sopiti tra due nuclei familiari che occupavano abitazioni limitrofe, tali da ipotizzare come l’evento costituisse l’apice dell’acredine e della conflittualità.
Nel momento dell’intervento, i Carabinieri trovarono sul posto una donna, proprietaria dell’immobile attiguo a quello arso, la quale riferì di esser tornata sul posto dopo aver portato il figlio all’Ospedale di Albenga perché investito dalle fiamme dell’esplosione mentre si trovava nel giardino dell’abitazione: quanto riferito insospettì i militari, essendo inverosimile come una persona potesse essere all’esterno a quell’ora; inoltre, dalle diverse testimonianze raccolte nell’immediatezza emersero circostanze contrastanti con le dichiarazioni della donna. Peraltro, il fatto che il giovane non fosse stato portato al più vicino presidio medico imperiese rese ancora più dubbia la versione dei fatti preliminarmente acquisita. I Carabinieri ritennero utile recuperare gli abiti del malcapitato, che furono rinvenuti nella lavatrice dell’abitazione ancora intrisi di liquido infiammabile. Per tale ragione il ragazzo fu immediatamente denunciato in stato di libertà all’Autorità Giudiziaria, ritenendolo resposanbile dell’incendio.

Le successive progressioni investigative svolte dai Carabinieri della Stazione di Diano Marina – presidio rimasto sempre operativo senza mai far venire meno il controllo del territorio e, appunto, l’impegno in quest’indagine, nonostante il reparto abbia registrato diversi militari positivi al CoViD – hanno consentito di accertare come i due, la sera precedente, avessero acquistato il carburante presso un distributore self-service locale, per poi violare il domicilio tagliando alcune sbarre del cancello antistante, per poi forzare il portone d’ingresso ed appiccare il fuoco.
A corroborare il quadro accusatorio hanno contribuito le dichiarazioni rese successivamente dagli interessati, ritenute “assai poco verosimili” soprattutto in relazione a quanto emerso dai primi accertamenti dei Carabinieri, i quali già in fase di sopralluogo rilevarono tracce di sostanze acceleranti, in particolare benzina e ammoniaca, di cui si avvertiva un forte odore.

L’arresto. Il Giudice per le Indagini Preliminari, in accordo con la tesi sostenuta dal Pubblico Ministero, sulla base degli elementi raccolti – ritenendo sussistente ed attuale “l’immanenza delle ragioni di rancore e animosità, legate ai pessimi rapporti di vicinato” – ha disposto la custodia cautelare in carcere, provvedimento che i Carabinieri hanno eseguito nella decorsa serata, trasferendoli poi presso le strutture carcerarie di Imperia e Genova.