Quantcast

Nuovo parcheggio nelle aree dismesse della ferrovia, Alternativa Intemelia: «Dotarlo di tettoia fotovoltaica» foto

«Creerebbe una vera e propria centrale elettrica che potrebbe soddisfare i bisogni energetici di molte strutture comunali, inoltre si potrebbero inserire anche svariati punti di ricarica per macchine elettriche»

Ventimiglia. Le dichiarazioni del gruppo Alternativa Intemelia in merito alle aree in cui sorgerà un parcheggio da circa 1000 posti auto:

«In futuro verrà costruito un enorme parcheggio da circa 1000 posti auto sulle aree dismesse della ferrovia nella zona soprastante corso Genova. La nostra associazione propone all’attutale amministrazione la piantumazione di almeno una fila di alberi su tutto il perimetro e, nell’ottica del già previsto collegamento con la ciclabile Pelagos, riteniamo che sarebbe opportuno l’inserimento di almeno due punti di ristoro lungo il percorso non breve che la separerà dal centro cittadino.

In ultimo, non per importanza, riteniamo che una scelta molto lungimirante potrebbe essere quella di dotare il parcheggio di una moderna tettoia fotovoltaica, considerando l’ottima esposizione solare dell’area e l’ampia superficie a disposizione

L’istallazione delle tettoie con sopra dei pannelli solari su tutta la superficie disponibile creerebbe una vera e propria centrale elettrica che potrebbe soddisfare i bisogni energetici di molte strutture comunali; inoltre grazie all’energia ricavata da queste tettoie si potrebbero inserire anche svariati punti di ricarica per macchine elettriche.

I vantaggi di questa nostra idea sono principalmente di tipo ambientale, ma i risvolti positivi in termini economici per il comune e in termini pratici per il riparo offerto agli automobilisti sono molteplici ed evidenti.

Sappiamo che il comune di Vallecrosia in merito ha approvato un progetto di parcheggio ecosostenibile simile negli scorsi mesi. Ventimiglia ha la possibilità di disegnare su questa enorme tavolozza bianca a disposizione un futuro diverso, più moderno e sostenibile».