Quantcast

Il Siap: «In Liguria nelle questure passerelle su presunti ma non reali cali dei reati»

«Anche la nostra categoria ha bisogno di sostegno morale, i dati sono asettica statistica», commenta il segretario regionale Roberto Traverso

Più informazioni su

Genova. Le dichiarazioni di Roberto Traverso, segretario regionale del Siap:

«Eppure il buon esempio dalle istituzioni nazionali è arrivato: Il Presidente della Repubblica Mattarella e il Capo della Polizia Giannini, in occasione del 169° anniversario della fondazione della polizia di stato hanno focalizzato l’attenzione sul lavoro e il sacrificio dei poliziotti.

Donne e uomini in divisa in prima linea contro il crimine durante una pandemia senza precedenti nella storia moderna che lavorano in silenzio distanti dai media, proclami e conferenze stampe. Invece sul territorio (e la Liguria brilla i negativo anche su questo), assistiamo a surreali conferenze stampe dove invece di concentrare l’attenzione della stampa (almeno una volta) sui chi lavora in mezzo alla strada, si commentano i dati asettici delle percentuali delle denunce dei reati. Dati evidentemente sfalsati dalla pandemia che offrono un quadro distorto della realtà.

Le giornate di ricorrenza istituzionale sono momenti fondamentali per rafforzare i valori democratici nei quali crediamo e per farli arrivare all’opinione pubblica. In questo momento anche la nostra categoria ha bisogno di sostegno morale, i dati sono asettica statistica.

Perché i Questori non ricordano che il Dipartimento della PS, insieme ai sindacati stanno cercando di arginare il fenomeno dei suicidi in polizia introducendo modifiche normative e supporto psicologico ai poliziotti? Perché i Questori non ricordano che il contratto di lavoro dei poliziotti è scaduto da più di due anni e che l’indennità di lavoro straordinario è da sempre la più mal pagata?

Giustamente i media chiedono dati per argomentare le notizie e allora diamoli tutti questi dati. Sul territorio ligure è sbagliato far credere che ci sono meno problemi di sicurezza solo perché abbiamo raccolto qualche denuncia in meno su qualche reato. In realtà il quadro andrebbe letto complessivamente.

Dire che diminuiscono i reati sullo spaccio di stupefacenti dimenticando che la media delle province della Liguria per le detenzione di droga e sopratutto per lo spaccio sul territorio ci colloca nei primi 10 posti nazionali appare molto miope. Per esempio, perché non si dice che in Liguria aumentano gli incendi, usura estorsione..senza limitarsi alle denunce senza tener conto degli esposti??

Si tratta di chiari elementi investigativi che riconducono alla pressione mafiosa sul territorio ma di questo non se ne parla. Insomma la nostra 169esima celebrazione viene utilizzata per l’ennesima conferenza stampa per sciorinare dati e statistica. La consideriamo un occasione persa per far arrivare ai poliziotti, anche attraverso i media, quei segnali di vicinanza che sono vitali per chi lavora in mezzo alla strada in pandemia.

Il Siap ha invitato e apprezzato la presenza dei Questori di La Spezia, Savona e Imperia ai propri congressi provinciali celebrati in questi giorni e sarà lieto di invitare il Questore di Genova all’imminente congresso congiunto genovese e ligure: per il Siap il dialogo costruttivo con l’amministrazione è fondamentale, per questo chiediamo con forza che anche sul nostro territorio arrivi lo stesso messaggio di vicinanza lanciato dal Presidente Mattarella e dal Capo della Polizia Giannini».

Più informazioni su