Quantcast

Giornata mondiale della Terra, Aics: «Fondamentale contrasto ad allevamenti intensivi»

«Si nota l'assenza di una prima campagna di sensibilizzazione che spinga le persone ad abbandonare l'acquisto di carne proveniente da allevamenti intensivi a favore di prodotti da allevamenti allo stato brado»

Più informazioni su

Genova. «Una seconda edizione della giornata mondiale della terra senza la possibilità di grandi eventi pubblici a causa del Covid. Ma le restrizioni alla mobilità non hanno certo limitato le comunicazioni, anzi!

Ciò che colpisce, come già sottolineato in occasione della giornata dell’acqua, è l’assenza del tema degli allevamenti intensivi quando si tratta di snocciolare i capisaldi dell’inquinamento globale» – così dice Andrea Nesi, responsabile ambiente di Aics.

«Si nota l’assenza di una prima campagna di sensibilizzazione che spinga le persone ad abbandonare l’acquisto di carne proveniente da allevamenti intensivi a favore di prodotti da allevamenti allo stato brado» – continua Nesi. «Se dovessimo sintetizzare potremmo dire: mangiane poca, mangiala buona! Attendiamo con fiducia» – conclude Nesi.

Più informazioni su