Quantcast

Diano Marina, l’assessore Basso (Bilancio e verde pubblico): «La Giemme saprà gestire bene il verde pubblico»

Lo dichiara l'esponente di Grande Nord come obiettivo di un lungo percorso politico e amministrativo

Diano Marina. «Con l’affidamento diretto della cura del verde pubblico alla propria società in house Gestioni Municipali, l’amministrazione comunale di Diano Marina conclude un cammino iniziato durante il primo mandato, che ha sempre avuto come obiettivo il mantenimento di standard all’altezza della vocazione turistica della città». Lo dichiara con una nota inviata alla stampa l’assessore al Bilancio e Verde pubblico Luigi Basso.

«Il percorso era iniziato con un appalto gestito a livello regionale è proseguito con la scelta di affidare ad Ata la manutenzione del verde ed è culminato con la scelta, dovuta al ritiro di Ata -prosegue Basso per motivi societari, con un ulteriore concreto investimento nella società in house municipale. La Giemme in questi anni, grazie anche al sostegno dell’amministrazione comunale che da alcuni esercizi, per esempio, lascia gli utili in cassa alla sua partecipata, ha compiuto passi in avanti tali da poterla considerare affidabile anche per la cura e il mantenimento del verde cittadino, confidando che gli standard attuali saranno mantenuti, se non addirittura aumentati, potendo contare su una lunghezza del contratto che consentirà adeguati investimenti nel tempo».

«In proposito ringrazio chi, nonostante difficoltà oggettive e anche grazie alla fattiva collaborazione degli uffici comunali, ha saputo nel tempo raggiungere questi standard privilegiando, per esempio, un costoso piano di messa in sicurezza di decine di imponenti alberature che creavano pericoli per l’incolumità delle persone. Lavori che non colpiscono l’occhio, ma che sono più importanti del solo maquillage. Ciò è stato possibile grazie ad un lavoro contraddistinto da serietà, impegno e passione da parte del Comune, uffici e parte politica. Valori che, come ho detto, son certo la Giemme saprà conservare», conclude Luigi Basso