Quantcast

Coronavirus, Toti: «A Imperia e Savona il maggior numero di casi»

«Ci auguriamo che le misure prese in questa Pasqua, nelle settimane precedenti e in questa ancora in corsa producano effetti coerenti ai dati che leggiamo oggi»

Genova. Continuano ad essere le due province a Ponente della Liguria, Imperia e Savona, quelle in cui si registrano maggiori nuovi casi di Covid-19. A sottolinearlo, nel consueto punto stampa di aggiornamento della situazione Coronavirus in Liguria, è stato il presidente Giovanni Toti.

«I dati di oggi paiono abbastanza rassicuranti – ha detto – nella sostanza non aumenta l’incidenza del virus, anzi forse lievemente cala, così come cala la pressione negli ospedali piuttosto diffusamente. A fronte di quasi 10mila tamponi (6.192 tamponi molecolari e 3.546 tamponi antigenici rapidi), sono 425 positivi: quindi direi un’incidenza sensibilmente in calo anche se Imperia e Savona continuano ad essere le due realtà con un maggior numero di casi».

In Asl1 in 24 ore i nuovi positivi sono 102; 117 nell’Asl2 savonese. «Mentre Genova e Spezia risultano abbondantemente al di sotto della soglia di allarme stabilita dalla normativa nazionale», ha dichiarato il governatore Ligure.

«Da un paio di giorni Imperia resta sui 290 casi su 100mila per settimana – ha aggiunto – Savona è certamente scesa: circa 257 casi su 100mila per settimana». Dati, questi, con i quali secondo le soglie stabilite dal governo Draghi si entra automaticamente in zona rossa. 

«Ci auguriamo che le misure prese in questa Pasqua, nelle settimane precedenti e in questa ancora in corsa producano effetti coerenti ai dati che leggiamo oggi – ha concluso – Infatti cala la pressione ospedaliera di ben 18 unità e si ferma la crescita delle terapie intensive ad 81. Numeri tutto sommato positivi. Mi auguro che le misure prese (a Ponente, ndr) invertano il trend, ce lo diranno le prossime due giornate se siamo di fronte a un trend in netta inversione oppure no».