Quantcast

A Dolcedo domenica si celebra la solennità della Madonna delle Grazie foto

Alle 11 appuntamento con la messa e alle 16 processione online sul canale YouTube della parrocchia

Dolcedo. Domenica 18 aprile si festeggia a Dolcedo, nella Chiesa Parrocchiale San Tommaso, la solennità della Madonna delle Grazie; per la comunità parrocchiale, festa importantissima, che cade tradizionalmente la terza domenica di Pasqua, ed ha sempre avuto il suo fulcro nella processione generale.

Da secoli le famiglie vi affluivano numerose, dalle borgate circostanti, per tributare la loro devozione alla Madonna, e soprattutto per affidare i loro bambini alla protezione della Vergine Santissima, venerata col titolo di Madonna delle Grazie, da qui il detto popolare “Chi nu ghe po andö, u se ghe fa purtö ” (chi non ci può andare, ci si fa portare) e ancora “Chi nu n’a, u si fa prestö ” chi non ne ha, se li fa imprestare, chiaramente indicando i bambini.

Quest’anno, anche se con le restrizioni vigenti, si potrà partecipare alla celebrazione della Santa Messa, in chiesa, alle 11; con giubilo dei fedeli che, lo scorso anno, a causa del lockdown, soltanto dalle loro abitazioni avevano assistito on line alla funzione.

Nel pomeriggio alle 16 si svolgerà, quale omaggio alla Madonna, un evento, trasmesso in diretta sul canale YouTube della Parrocchia, che prevede: un pellegrinaggio virtuale ad alcuni dei più popolari Santuari Mariani, ripercorrendo, attraverso le immagini, gli spazi sacri, quali espressione della dimensione religiosa dello spirito umano. un intrattenimento musicale con alcuni brani mariani eseguiti dal Coro Parrocchiale dei Pueri Cantores, diretti da Michel Renders e accompagnati all’organo da Mauro Benza; alcuni brani strumentali eseguiti dai giovanissimi Lucia Benza, Amedeo Contestabile, Mattia Lanteri e perfino una danza di Maya Barreca sulle note dell’Ave Maria di Schubert.

La recitazione di famose poesie dedicate alla Madonna da parte di Stefano Cassiano. Il brillante presentatore, che si è già fatto apprezzare, per la sua verve, nella cerimonia di premiazione del concorso dei presepi trasportabili, la scorsa Epifania, trasmessa nella diretta YouTube, é il piccolo Giacomo Mileto, di 10 anni, a cui non manca il mordente per garantire un pomeriggio con brio. Durante l’evento sarà consegnato un attestato di partecipazione e un dono ai partecipanti alla prima edizione della mostra-concorso “In cammino con Gesù” dei Presepi Pasquali, realizzati nelle case e le cui foto sono state pubblicate sul sito e sulla pagina Facebook della Parrocchia. Anche nella Chiesa Parrocchiale è stato allestito un caratteristico presepe pasquale che rappresenta, con dodici scene, gli eventi della vita di Gesù dal Battesimo nel Giordano, alla Domenica delle Palme, fino alla Pasqua.

Ecco i nomi degli autori dei presepi pasquali: Mina Bova, Stefano Cassiano, Maya Barreca e Giulia Bracco, Nathan ed Efrem Morrone, Estelle Renders, Mattia e Giorgia Lanteri e Stefania Tallone, Emily, Josef Morgan, e Mattia del gruppo di catechismo della Cresima, Willem Renders, Gabriele Barreca.

Il Parroco don Carmelo Licciardello auspica che questo omaggio alla Madonna delle Grazie rinsaldi e accresca la devozione a colei che “tutte le generazioni chiameranno beata”, specialmente nei più piccoli, come si è fatto negli anni passati a Dolcedo, quando la componente religiosa aveva una parte di rilievo straordinaria, nella formazione dei caratteri fondamentali, su cui veniva costruito il futuro delle bambine e dei bambini.