Quantcast

Turismo, Agenzie di viaggi in Liguria: «Fermi noi e fermi i ristori»

Cordeglio (Assoviaggi): «Almeno 2 mesi di buonumore per ripartire»

Genova. «Le agenzie sono ferme e fermi sono anche i sostegni. Nel frattempo, gli sportelli chiudono. Speriamo che con il nuovo governo ci sia un’evoluzione». La luce in fondo al tunnel è ancora molto lontana per Enrico Cordeglio, presidente di Assoviaggi Liguria, che riporta all’agenzia Dire il grido d’aiuto delle agenzie di viaggio.

«La situazione è molto seria perché non vediamo segnali di ripresa che ci facciano sperare di poter tornare attivi in tempi brevi – aggiunge ricordando che – a livello nazionale, dall’inizio della crisi, ha chiuso il 23% degli sportelli. Stime ancora più alte in Liguria, dove si partiva da una base di 250-300 sportelli, ma circa un’ottantina di filiali ha dovuto abbassare la saracinesca».

«La categoria è in difficoltà estrema perché il consumatore ora pensa a tutto tranne che a prenotare un viaggio- spiega Cordeglio – magari c’è qualche inglese vaccinato o qualche tedesco che prenota per tradizione, ma è tutto estremamente rallentato».

Intanto, la Pasqua ormai è considerata andata. «Siamo in attesa che i vaccini ci diano una mano essenziale e puntiamo a giugno – dice il presidente di Assoviaggi Liguria – ma c’è bisogno di almeno un paio di mesi di buonumore prima che si torni a pensare di viaggiare per piacere». A dare una mano potrebbe arrivare il passaporto vaccinale. «È una buona proposta, ma deve arrivare in fretta. Potrebbe essere un buon viatico per far tornare a volare da un aeroporto all’altro dell’Europa. Se riusciamo a fare vaccini e superare il ceppo inglese, a giugno ce la potremmo anche fare perché l’Italia si presenta coma Paese sicuro e affidabile».

Nel frattempo, l’unico modo per sopravvivere è che arrivino i ristori .«Le uniche risorse nazionali a fondo perduto ci sono arrivate alla fine dell’anno scorso, senza considerare che chi aveva qualche pendenza contributiva non ha ottenuto nulla e ora è alla canna del gas – racconta Cordeglio – la Regione Liguria ha fatto un bando per bonus da mille euro per il settore turistico: molto meno di altre Regioni, ma si sa che noi liguri siamo parsimoniosi. Il vero problema è che ha affidato i rimborsi alle Camere di Commercio, che li gestiscono attraverso i codici Ateco e hanno elenchi obsoleti. Per cui, ne passerà del tempo prima che riusciremo a vedere questi soldi».