Quantcast

Pieve di Teco, la quinta della scuola primaria tra le classi vincitrici del concorso “Vorrei una legge che…”

Gli alunni hanno elaborato una proposta di legge con dodici articoli da rispettare dal titolo: “Vorrei una legge che…tutelasse l’uso dell’acqua”

Pieve di Teco. La quinta classe della scuola primaria di Pieve di Teco ha partecipato, con l’aiuto delle insegnanti Marina Borelli e Antonella Cappello, al progetto – concorso “Vorrei una legge che…” organizzato dal Senato in collaborazione con il Ministero dell’Istruzione ed è risultata tra le classi vincitrici a livello nazionale.

Scuola primaria di Pieve di Teco

L’ufficio comunicazione istituzionale ha informato del risultato, tramite lettera, il dirigente dell’Istituto Comprensivo di Pieve di Teco, la dottoressa Serena Carelli, apprezzando il lavoro svolto, portato a termine nonostante le difficoltà legate all’emergenza sanitaria ed esprimendo i più sentiti complimenti per l’entusiasmo e la dedizione con cui i ragazzi, attentamente indirizzati dai docenti, hanno seguito questo percorso formativo volto a far cogliere ai giovani l’importanza delle leggi, delle funzioni del Parlamento e del confronto democratico.

Scuola primaria di Pieve di Teco

Per il concorso gli alunni hanno discusso e riflettuto su come risparmiare, non sprecare e tutelare l’acqua del loro territorio. Dopo essersi documentati sul perché della poca disponibilità di acqua e confrontati democraticamente, hanno prodotto un disegno di Legge con dodici articoli da rispettare, dal titolo: “Vorrei una legge che…tutelasse l’uso dell’acqua”. La scelta della tematica non è stata casuale. Gli alunni hanno infatti, ascoltato il discorso all’Onu di Greta Thunberg che nel 2018 ha iniziato una protesta per la salvaguardia del clima del nostro pianeta. Le insegnanti hanno proposto agli alunni di trovare un argomento di discussione che riguardasse una problematica del nostro pianeta e toccasse da vicino il nostro territorio. Dopo aver valutato le diverse proposte, la scelta è ricaduta sull’argomento “acqua” poiché “si può vivere senza oro, ma non si può vivere senza acqua”.

Scuola primaria di Pieve di Teco

Con l’introduzione dell’educazione civica come materia di studio è stato evidenziato che all’interno della “Agenda 2030”, tra i 17 obiettivi prefissati per lo sviluppo del millennio, al numero 6 c’è proprio la tutela delle risorse idriche ed è per questo che i piccoli alunni si sono chiesti: “come possiamo aiutare nel nostro piccolo i ‘grandi’?. Dopo un ampio confronto si è deciso quindi di elaborare una legge, composta da 12 articoli, da far rispettare ai cittadini per contribuire al raggiungimento dell’obiettivo n° 6 dell’”Agenda 2030”. Ogni alunno ha scritto un articolo che ha ritenuto importante per risparmiare e non sprecare acqua fuori casa e tutelarne il consumo.

Scuola primaria di Pieve di Teco

Il perdurare dell’emergenza sanitaria non consente, al momento, di prevedere lo svolgimento di cerimonie di premiazione in presenza presso il Senato della Repubblica, ma a breve il Senato stesso informerà la dirigenza dell’istituto scolastico per le modalità alternative di incontro e premiazione, finalizzate ad offrire a docenti e studenti un pieno riconoscimento per il lavoro svolto.

Scuola primaria di Pieve di Teco

Ieri il sindaco di Pieve di Teco, Alessandro Alessandri, ha incontrato gli alunni e ha ascoltato con attenzione il racconto del percorso affrontato e le loro proposte per continuare a comportarsi da cittadini responsabili. «Sono felicissimo del risultato conseguito dai nostri piccoli concittadini – ha dichiarato il sindaco – poiché nonostante le mille difficoltà legate al terribile momento storico che stiamo vivendo hanno dimostrato sensibilità e impegno nell’intraprendere il percorso scolastico e nel partecipare a quest’importante iniziativa che porta lustro all’intera comunità. Ricevere il riconoscimento dal Senato mi rende orgoglioso e il mio plauso va agli alunni, al dirigente scolastico Carelli e a tutto il corpo docente. La tematica scelta dai giovani studenti non è casuale. Il rispetto delle risorse del nostro territorio è un principio che deve essere necessariamente veicolato già da piccoli poiché loro saranno i nostri adulti del domani. Il risultato ottenuto conferma quindi, il ruolo centrale dell’istituzione scolastica quale agenzia di formazione principale, al pari della famiglia, nello sviluppo morale e culturale dei nostri figli».

Scuola primaria di Pieve di Teco

Ecco il testo di “Vorrei una legge che…tutelasse l’uso dell’acqua”:
Art.1 Non usare mai l’acqua potabile per innaffiare orti e giardini.
Art.2 Innaffiare il giardino e l’orto a sere alterne anziché tutti i giorni.
Art.3 Non tagliare l’erba del giardino troppo corta perché quella più alta necessita di minore acqua.
Art.4 Non usare l’acqua potabile per riempire le piscine sia di plastica che in muratura.
Art.5 Per lavare l’automobile non utilizzare l’acqua potabile.
Art.6 Non lavare mai l’automobile o altro veicolo al fiume o presso un torrente o corso d’acqua.
Art.7 Installare un impianto idrico duale cioè a due tubi, in modo da poter distinguere l’acqua non potabile da quella potabile e di qualità migliore indispensabile per bere e cucinare
Art.8 Pulire i greti di fiume e ruscelli per impedire formazioni di dighe e conseguenti straripamenti.
Art.9 Non praticare disboscamenti intensivi e non autorizzati.
Art.10 Segnalare tempestivamente al Comune le perdite alla rete idrica, alle tubature e alle strutture del servizio.
Art.11 Controllare con regolarità i rubinetti e gli scarichi affinché non perdano o gocciolino.
Art.12 Installare rubinetti con dispositivi che fanno risparmiare acqua (diffusore a basso flusso).