Quantcast

Pietrabruna, don Luigi Federigo Uboldi cacciato dalla Chiesa

Massimo riserbo sulle cause che hanno portato al processo penale extragiudiziale

Sanremo. Il sacerdote Luigi Federigo Uboldi, 68 anni, a partire da oggi, non potrà esercitare le sue funzioni di parroco della parrocchia dei Santi Costa e Damiano in frazione Torre Paponi a Pietrabruna, in provincia di Imperia. Lo ha disposto la Congregazione per la Dottrina della Fede che oggi ha celebrato, presso la diocesi di Ventimiglia-Sanremo un processo penale extragiudiziale nei confronti del presbitero originario di Castellanza, in provincia di Varese. A Uboldi è stata comminata la pena della dimissione dallo stato clericale. 
Ora il sacerdote avrà tempo dieci giorni per presentare ricorso. «Si tratta di una sentenza non ancora definitiva», dichiara il vescovo Antonio Suetta che sul caso mantiene il massimo riserbo, trattandosi ancora di una condanna cautelare: «Il processo non è inerente a situazioni verificatesi nella parrocchia amministrata da Uboldi».

«E’ un provvedimento che non equivale alla scomunica. Con l’ordinazione si entra a far parte del clero e si acquisiscono diritti e doveri conseguenti, relativi agli uffici che vengono dati da svolgere – spiega Suetta -. Siccome il sacramento dell’Ordine non si può cancellare e si rimane preti per l’eternità, si può tuttavia essere dimessi dallo stato clericale e viene, quindi, impedito l’esercizio di ogni ministero».

Intanto, entro domenica, verrà nominato un sostituto per la celebrazione della santa messa.