Quantcast

Pallanuoto, serie B: primo stop della stagione per la Rari Nantes Imperia

La Locatelli batte la squadra del capoluogo di provincia per un punto

Imperia. La Rari Nantes Imperia comanda per larghi tratti ma non uccide il match ed, alla fine, è la Locatelli ad esultare per 11-10. Arriva così il primo stop stagionale per i ragazzi di Fratoni che sono già concentrati sul prossimo impegno casalingo contro Andrea Doria.

Per il terzo impegno stagionale, i giallorossi sono di scena alla piscina Comunale di Sori. Di fronte la Locatelli, coinquilina al primo posto del girone 1 con 6 punti.
Dopo una prima fase di studio con diverse imprecisioni al tiro, sono i padroni di casa ad andare in vantaggio con Ruggeri. La risposta è affidata a Davide Cesini che, in superiorità, batte Celli con un sinistro, da posizione 1, che picchia sul palo interno e si insacca. La partita dunque si accende improvvisamente negli ultimi due minuti: al doppio vantaggio (3-1) della Locatelli, risponde la squadra giallorossa. Rimasta in attacco per cinque azioni consecutive, allo scoccare dell’ultimo minuto, trova la via del gol con Lengueglia. La difesa, poi, è granitica e sul ribaltamento di fronte un bellissimo gol di Filippo Taramasco regala il pari momentaneo: il giovane trova la prima rete stagionale con un guizzo dal centro che beffa difensore e portiere. La situazione però rimane tale per pochi secondi perchè Locatelli ha ancora fiato per rimettere la testa avanti.

Dopo i primi otto minuti, le squadre ‘hanno fatto conoscenza’ ed è l’esperienza della Rari a venire fuori. Capitan Somà trova l’ennesimo pareggio con un tiro che si stampa sulla traversa ed oltrepassa la linea. Non c’è un attimo di tregua perchè Ruggeri trova il momentaneo 5-4 da distanza siderale. I giallorossi però sono sul pezzo e l’avversario può soltanto diventare spettatore della sfuriata agonistica: Lengueglia, infatti, trova il 5-5 con una conclusione che va a togliere le ragnatele dall’incrocio della porta avversaria. Poi è la premiata ditta Corio-Somà a salire in cattedra per i primi vantaggi imperiesi, in questo incontro: il centroboa, dapprima, si fa largo e riesce a concludere nonostante la sfera impieghi davvero tanti attimi prima di varcare la linea. Poi il capitano, in superiorità, trova il palo lungo sul quale l’estremo difensore non può arrivare. La difesa giallorossa però si fa trovare impreparata sul fendente di Barattini che pesca Fajette sulla linea dei 2 metri e riavvicina la Locatelli, prima dell’intervallo lungo.

La Rari riparte con il piglio giusto ed è una finezza, da posizione 2, di Samuele Barla a regalare il +2: l’esperto giocatore conclude dalla distanza con una rasoiata che bacia il montante e sorprende Celli. I ragazzi di Fratoni avrebbero l’occasione per uccidere la contesa ma il portiere respinge il penalty battuto da Somà. Il Capitano comunque si rifà poco dopo con un bolide che muore in fondo al sacco, per la tripletta personale (undicesima rete in campionato) e il +3 Imperia. La Rari macina gioco e spreca oltre il dovuto facendo vivere un pomeriggio eroico al portiere Celli. In rete, va ancora Taramasco che si invola lungo la corsia e, a tu per tu col portiere, non lascia scampo. Due belle firme, davvero. Comunque, quando gli uomini di Picasso si affacciano dalle parti di Agostini (subentrato a Merano), non sembrano aver la forza per colpire; così è proprio la Rari a volersi fare del male regalando un rigore (trasformato da Cornacchia) per una ingenuità del giovane Grosso, oggi all’esordio, che riporta il tabellone sul +2.

Nulla fa presagire quanto avverrà ad inizio dell’ultimo periodo. La Rari perde il controllo della situazione e la Locatelli va in rete tre volte, nel giro di due minuti. L’attacco dei giallorossi è statico e i genovesi colpiscono in ripartenza: due palombe beffano Agostini e Locatelli ritrova il vantaggio che mancava da due tempi. La Rari prova una serie di attacchi disperati per raggiungere il pari, nei restanti 5 minuti e 40, ma la fretta porta tanta imprecisione al tiro.
Ad una ventina di secondi dalla sirena finale, in situazione di doppia superiorità, Corio riceve la palla fuori dalla linea dei due metri e conclude in rete. L’arbitro però ravvisa una invasione alquanto dubbia e annulla. E’ l’ultima beffa di un pomeriggio davvero amaro che vede esultare la Locatelli.

LOCATELLI 11 – 10 R.N.IMPERIA: il tabellino
(4-3; 2-4; 2-3; 3-0)
LOCATELLI – Celli, Ravina, Ruggeri 2, Fajette 2, Borchini, Nebbia, Cognatti 2, Russo 1, Barattini 1, Carlascio A., Cornacchia 3, Stagno cap., Carlascio E. All.: Picasso
IMPERIA – Agostini, Fratoni, Barla 1, Bracco, Gandini, Grosso, Lengueglia 2, Corio 1, Tarmasco 2, Somà cap. 3, Rocchi, Cesini 1, Merano. All.: Fratoni
Arbitro: Rogondino
Note: uscito per limite di falli Cesini (I) nel quarto tempo; Sup.Num. Locatelli 1/8 + 2 rigori trasformati, Imperia 2/9 + un rigore parato da Celli a Somà

LOCATELLI-R.N.IMPERIA. le parole di Fratoni

Dopo il primo k.o. stagionale patito dalla Rari Nantes Imperia, ha parlato mister Stefano Fratoni: «I ragazzi hanno lottato ma talvolta non basta. A sprazzi abbiamo anche espresso del buon gioco ma siamo stati discontinui. Dobbiamo dare qualcosa in più: ci vuole maggiore auto-disciplina e meno foga nel fare le cose».

Con il week-end pasquale di mezzo, i giallorossi rimarranno fermi tre settimane prima di tornare in vasca contro l’Andrea Doria (il 17 aprile, alla Cascione): «Questa pausa ci servirà per riflettere. Dovremo allenarci diversamente facendo attenzione ad incanalare positivamente le nostre energie e trovare le giuste motivazioni. Talvolta in partita siamo troppo nervosi. Dobbiamo essere più umili e metterci sempre a disposizione del gruppo: ieri, ad esempio, facevamo delle entrate da posizione 3 senza convinzione e con l’uomo ‘a 4’ che schiacciava tutto. Questi tecnicismi sono indicativi del fatto che ad un certo punto non fossimo più concentrati».