Quantcast

Ospedaletti, soldi a quotidiano e addetto stampa. Il sindaco: «Prima pagati da noi, quest’anno dal Comune»

Discussione in consiglio comunale dell'interpellanza presentata dalle opposizioni. Lugarà: «Non è il momento di spendere in comunicazione quando attività e cittadini soffrono la crisi»

Ospedaletti. Soldi del Comune a quotidiano online e addetto stampa della stessa testata per promuovere agli occhi dell’opinione pubblica il patrimonio municipale. E’ scontro questa sera in consiglio comunale tra maggioranza e opposizione, quest’ultima all’attacco del primo cittadino per il caso dell’incarico diretto dato alla società A.B.B.C Srls che edita RivieraTime.

Nel corso della discussione del primo punto all’ordine del giorno, le minoranze hanno esposto i contenuti dell’interpellanza a firma dei consiglieri Blancardi, Taggiasco, Lugarà e D’Orazio, volta a comprendere se le risorse impegnate dalla giunta non possano potenzialmente andare ad influenzare l’operato dell’addetto stampa comunale che è giornalista della stessa testata a cui è stato dato l’incarico per la promozione turistica.

In particolare, ai consiglieri risultano due distinte determine per un totale di 9.800 euro di cui la metà, 4.900 euro, sarebbe destinata direttamente a RivieraTime, mentre l’altra metà all’addetto stampa che è giornalista dello stesso giornale. E’ a tal proposito che i consiglieri d’opposizione, nell’interpellanza, avevano espresso perplessità sulla «sull’indipendenza e l’imparzialità dell’ufficio stampa del Comune».

Secca la replica del sindaco Cimiotti: «Lo scorso anno sia RivieraTime che l’addetto stampa sono stati pagati di tasca dei componenti dell’amministrazione, mentre quest’anno abbiamo deciso di chiudere il cerchio ponendo la spesa a carico del Comune. I lavori commissionati concernono la produzione di video che saranno utilizzati successivamente per promuovere la cittadina.

Per quanto riguarda l’incarico all’addetto stampa – ha continuato il primo cittadino – abbiamo pensato potesse essere una figura utile per dare una corretta interpretazione dei fatti che accadono a Ospedaletti. Avendo avuto degli screzi con le altre testate giornalistiche, abbiamo preferito non avere più con queste occasioni di lavoro.

Il bilancio di quanto fatto finora vede 59 comunicati stampa inviati a tutte le testate. Non è vero che sono stati tarati solo da una parte. Non esistono preferenze particolari, il prossimo anno daremo l’incarico a qualcun altro. Il prezzo applicato dalla società affidataria è a nostro modo di vedere decisamente basso».

Ad incalzare il primo cittadino la consigliera Valentina Lugarà: «Credo che questo non sia il momento di investire cifre simili quando le attività e i cittadini della nostra piccola comunità vivono una grave crisi economica. Detto ciò, il sindaco non ha risposto ad alcune domande poste: per esempio se sono stati chiesti o acquisiti altri preventivi per confrontare le diverse offerte commerciali».

Replica, in conclusione,della discussione, il sindaco Cimiotti: «Con questo affidamento abbiamo dato del lavoro a qualcuno in un periodo di difficoltà. Da oggi, se le minoranze lo chiederanno, metteremo anche a loro disposizione l’addetto stampa del Comune».