Quantcast

Imperia schiva il Covid e ritorna alla vita: riapre in sicurezza la biblioteca Lagorio foto

L'assessore alla Cultura Marcella Roggero: «In osservanza delle normative ma siamo molto contenti di aver riaperto»

Imperia. Nel capoluogo, a differenza dei distretti di Ventimiglia e Sanremo, la curva epidemioligica è in calo e in linea con gli altri dati della regione Liguria. I comportamenti virtuosi degli imperiesi, come sottolineato dal sindaco Claudio Scajola che invita, comunque, a tenere alta la guardia, hanno, evidentemente, pagato e i cittadini del capoluogo stanno assaporando un pur lento ritorno alla vita di tutti i giorni.

Generico marzo 2021

Tra le attività che dal primo giorno di zona gialla c’è quella della biblioteca civica. Negli scatti del nostro Christian Flammia e nell’intervista all’assessore alla Cultura Marcella Roggero tutta la soddisfazione per questo traguardo raggiunto grazie ai sacrifici degli imperiesi per la riapertura della biblioteca e dei musei, pur in applicazione delle misure di contenimento del Covid.

«Da lunedì mattina -spiega l’assessore alla Cultura Marcella Roggero –  siamo tornati in zona gialla e abbiamo subito riaperto le nostre porte. La biblioteca “Lagorio” osserva gli stessi orari di sempre, quindi dal lunedì al venerdì dalle 8.30 alle 19 e il sabato dalle 8.30 alle ore 13, ma diciamo che non abbiamo mai chiuso. Sono proseguiti i servizi di prestito e restituzione che venivano solo  rimodulati con con alcune regole per andare in sintonia con le normative anticovid. Adesso si può ritornare anche a studiare e a cercare i testi necessari per i propri studi all’interno della biblioteca all’interno della biblioteca».

«Vengono naturalmente applicate tutte le normative anticovid, a cominciare dall’igienizzazione,  l’osservanza della spazio tra uno studente o un utilizzatore e un altro. Ci sono, ovviamente, percorsi di ingresso e di uscita differenziati. Noi siamo molto contenti di aver potuto riaprire e ci auguriamo che questa apertura possa durare il più a lungo possibile», puntualizza la Roggero.