Quantcast

Festival di Sanremo, Biancheri: «Non farlo sarebbe stata scelta più facile, ma anche sconfitta per la città»

«Sanremo vive di turismo. Grazie al Festival abbiamo aperto alberghi chiusi da tempo. Oggi siamo in fascia gialla e le attività riaprono»

Sanremo. «Gli altri anni abbiamo aperto con elenco delle collaterali. Quest’anno non possiamo farlo, ma sebbene non ci siano collaterali, ci sarà un festival importante all’Ariston». Lo ha detto il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri aprendo la tradizionale conferenza stampa che dà ufficialmente il via alla 71esima edizione del Festival della Canzone Italiana.

«Organizzare un Festival di questo tenore non è semplice – ha aggiunto il primo cittadino – Ringrazio l’ASL per il lavoro che sta facendo per avere un Festival in sicurezza. Grazie anche alle forze dell’ordine, alla polizia municipale, ai volontari che monitoreranno con rigore quello che accadrà fuori dal teatro Ariston».

Perentoria la risposta del sindaco alle tante polemiche scaturite dalla volontà di realizzare il Festival in un’Italia ancora sofferente a causa della pandemia di Covid-19. «A chi chiede se fosse proprio necessario fare il Festival – ha detto Biancheri – Rispondo che non farlo sarebbe stata la scelta più facile, ma non farlo sarebbe stata anche una sconfitta per il Paese e per la città perché il Festival è di tutti. È una straordinaria occasione di promozione per il territorio alle porte di una stagione estiva che ci auguriamo possa essere la vera partenza».

E ancora: «Sanremo vive di turismo. Grazie al Festival abbiamo aperto alberghi chiusi da tempo. Oggi siamo in fascia gialla e le attività riaprono».

Il sindaco ha concluso il suo intervento con un ringraziamento a Tim, per il sostegno con Area Sanremo, e con un messaggio rivolto a Laura Pausini: «Complimenti a Laura per il Golden Globe. Ha iniziato qui la sua carriera 28 anni fa».