Quantcast

Covid, Lega: «Non ci sono abbastanza vaccini per i liguri, ma per Sansa la priorità è darli ai migranti»

«Siamo rimasti senza parole per l’assurdità e pericolosa ingiustizia di questa iniziativa puramente ideologica»

Genova. «Priorità delle sinistre: prima i migranti, poi i liguri. E i nostri pensionati, persone fragili, lavoratori a rischio? Al momento non ci sono abbastanza dosi di vaccino anti Covid e le necessità sono altre, ben delineate dai medici. Tuttavia, oggi in consiglio regionale gli esponenti della Lista Sansa hanno presentato un ordine del giorno che chiede alla giunta di impegnarsi ‘ad attivare un servizio di assistenza sanitaria per i migranti che garantisca lo screening per la ricerca del virus del Covid-19 e la vaccinazione’ in particolare a Ventimiglia.

Se non vi fossero quotidiani respingimenti dalla Francia (circa 13mila all’anno) e se il Governo Conte 2 non avesse demolito i decreti sicurezza di Salvini, nella zona di confine non avremmo migliaia di migranti di passaggio ogni mese. Naturalmente, la Lega non ha sostenuto il documento della Lista Sansa, ma siamo anche rimasti senza parole per l’assurdità e pericolosa ingiustizia di questa iniziativa puramente ideologica».

Lo hanno dichiarato i consiglieri regionali della Lega Stefano Mai, Sandro Garibaldi, Brunello Brunetto, Alessio Piana, Mabel Riolfo.