Quantcast

Covid, il consigliere regionale Ioculano: «Un peso e due misure per il Ponente ligure»

«A Sanremo possono aprire i bar e i ristoranti mentre nel distretto di Ventimiglia no. Di fronte alla stessa situazione epidemiologica la giunta Toti ha messo in atto due misure sproporzionate»

Ventimiglia. «Un peso e due misure per il Ponente ligure. Di fronte alla stessa situazione epidemiologica la giunta Toti ha messo in atto due misure sproporzionate. A Sanremo da oggi possono aprire i bar e i ristoranti mentre nel distretto di Ventimiglia no; però un dato è fondamentale: si è arrivati in ritardo a questo appuntamento del Festival.

Ormai è da un mese che sottopongo all’attenzione del presidente Toti questa situazione preoccupante di diffusione del contagio e le misure sono state tardive, probabilmente anche insufficienti, e arriviamo oggi a un discrimine chiaro tra due aree con lo stesso problema e misure diverse. Ora la preoccupazione è solo esclusivamente una: che alla fine di questa settimana di apertura di distretto sanremese ci sia poi un aumento del contagio, perché a quel punto a pagare non sarà solo il distretto di Sanremo, ma anche quello di Ventimiglia, perché abbiamo in comune le stesse strutture sanitarie che con l’aumento dei contagi vanno sotto stress.

Assordante il silenzio dei componenti di centrodestra della maggioranza regionale: qualche flebile mugugno ma nessuna richiesta fattiva al loro leader. Incomprensibile e inaccettabile per chi sta in maggioranza.

Auspico che si agisca attivamente per far uscire la nostra zona da questa situazione: cominciamo dai vaccini, che sono la via per riprendere a vivere. Occorre estenderli rapidamente nel nostro territorio per dare una brusca sterzata alla curva epidemiologica» – dice il consigliere regionale Enrico Ioculano.