Quantcast

Coronavirus, Toti: «Crescono i contagi a Ponente. Aumenta di nuovo pressione su Imperiese»

«Domani sarà una giornata straordinariamente importante per vaccinazioni»

Genova. «Sui contagi ancora una volta è il Ponente a faticare di più: è cresciuta la pressione sull’imperiese. Nel savonese, soprattutto nel Comune di Savona e in alcuni comuni della Val Bormida, c’è una pressione un po’ più forte, e di questo aumento di pressione risentono ovviamente anche i nostri ospedali, anche se come sempre nel fine settimana le dimissioni sono ridotte e siamo certi che i numeri scenderanno. In ogni caso siamo comunque a meno della metà della nostra capacità ospedaliera». Lo ha dichiarato il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, facendo il punto sulla situazione Coronavirus.

«Domani sarà una giornata straordinariamente importante – ha aggiunto – Perché alla capacità vaccinale da 4500 vaccini al giorno del nostro servizio pubblico, ai 2000 e oltre vaccini dei medici di famiglia si sommeranno quelli del nuovo hub (Fiera del Mare, a Genova, ndr), quindi penso che saliremo sopra quota 7000 vaccini a fine giornata, e ancora dovremmo salire per tutta la settimana per arrivare a regime».

«Oltre a questo, da martedì mattina partiranno le vaccinazioni nelle prime 52 farmacie in tutta la Liguria, che poi cresceranno di numero – ha spiegato – Quindi sarà possibile vaccinarsi negli ospedali, nei grandi hub come questo, nelle farmacie, nei laboratori privati che aderiscono. Con questo, come ho detto anche pochi minuti fa al Commissario straordinario per l’emergenza Covid, il generale Francesco Paolo Figliuolo, la Liguria conta di arrivare a quei 13.000 vaccini la settimana che le sono stati assegnati come obiettivo e che serviranno anche per spegnere quella di ripartenza di pandemia che proprio in questi giorni in tutta Italia, anche se da noi molto meno che altrove, ci sta però facendo preoccupare. Siamo circondati da regioni rosse e anche da noi registriamo dati che sono lievemente crescita, anche se ovviamente parliamo di una situazione molto diversa da quella di altre regioni».