Quantcast

Coronavirus, Pd: «Liguria fanalino di coda sulla Vaccinazione. Toti si dia una mossa, nella gestione regna il caos»

«I dati parlano chiaro: in Liguria ci sono 90.000 vaccini fermi e il sistema stenta ad andare a regime»

Imperia. «Toti si dia una mossa, nella gestione regna il caos». Esordiscono così i democratici della provincia di Imperia in merito alla questione vaccinazioni in Liguria.

«La Liguria è penultima nella classifica nazionale della percentuale tra i vaccini somministrati e quelli consegnati – spiegano i Dem – I dati parlano chiaro: in Liguria ci sono 90.000 vaccini fermi e il sistema stenta ad andare a regime su numeri di vaccinazioni giornaliere in linea con gli obiettivi del piano vaccinale nazionale. Purtroppo questa è la realtà cruda dei fatti e dei numeri. Con poco più del 70% dei vaccini effettuati si colloca ben dieci punti percentuali al di sotto della media nazionale, che è dell’82%, superata in peggio solo dalla Sardegna, che però fino a pochi giorni fa era la sola regione in zona bianca».

E ancora: «Non c’è che dire, un altro grande successo dell’amministrazione Toti, il quale ha anche avuto il coraggio di dire che le classifiche non lo interessano. A noi invece, e a tutti liguri, interessano, e molto, perché non si tratta di numeri insignificanti ma di dati che riguardano la salute pubblica e che hanno anche pesanti effetti sull’economia e sul lavoro della nostra regione.
Il Presidente Toti probabilmente è più interessato a vedere quanti like riceve sui suoi post soprattutto in quelli dove addossa sue responsabilità ad altri, come è ormai sua prassi costante. In Lombardia, che pure ha percentuali di vaccinazioni superiori alle nostre, sono stati azzerati i vertici del servizio sanitario regionale, mentre in Liguria si prosegue tra un comunicato e l’altro, tanto per fare disinformazione, con i numeri dei contagi e dei decessi che continuano a crescere. Per l’ennesima volta il Partito Democratico della provincia di Imperia denuncia l’inefficienza della pianificazione e della gestione delle attività di contrasto alla pandemia, rimarcando come l’aver scelto di trattenere a sé la delega della sanità regionale sia stato un grave errore da parte del Presidente Toti, errore di cui purtroppo pagano le conseguenze tutti cittadini liguri. Per un anno il giochino di Toti è stato quello di dare le colpe di tutto al governo. Ora però al governo c’è pure lui e quindi non riesce più a fare quello che gli riesce meglio : scaricare su altri le proprie responsabilità».

«Il caos creato senza dare le indicazioni precise ai medici di medicina generale e la continua improvvisazione sanciscono la totale incapacità del Presidente Toti – aggiungono i democratici imperiesi – Oltre alla totale mancanza di senso delle istituzioni, le foto del Presidente Toti sdraiato in Consiglio Regionale durante il consiglio monotematico fanno ben comprendere quanto davvero interessi al presidente il dibattito che dovrebbe servire a migliorare l’attuale gestione. La cosa che ci preme più chiarire è che senza una vera e propria campagna vaccinale a tappeto a rimetterci sarà la nostra economia. Ormai è chiaro che solo il vaccino può permettere a commercianti,ristoratori, albergatori e al tessuto produttivo in generale di ripartire. Facciamo un appello al Presidente Toti perché faccia meno comparse televisive e si occupi meno del suo progetto nazionale mai decollato e metta corpo e anima per risolvere i problemi di coloro che l’hanno scelta come Presidente della regione che oggi purtroppo se ne saranno amaramente pentiti»