Quantcast

Silp Cgil Uil Polizia: «Un piano di investimenti sulla sicurezza anche per la provincia di Imperia»

«Per il Governo non è più tempo di proclami»

Imperia. «La provincia di Imperia, in linea con i problemi di carattere nazionale, da oltre 15 anni fa i conti con l’assenza di un puntuale turn over, in parte attutita delle recenti assegnazioni di nuovi agenti, ma che non invertono una tendenza molto pericolosa relativa ad un’età media troppo elevata e all’impiego di personale che risulta sempre più stanco, invecchiato e demotivato, al quale un’ora di straordinario viene pagato meno dell’ordinario. Inoltre, come già denunciato dalla scrivente organizzazione sindacale in varie occasioni, i prossimi tre anni vedranno uno svuotamento generale degli organici della Polizia di Stato, poiché cesseranno dal servizio complessivamente circa 14.000 uomini e donne, problema che investirà, evidentemente, anche la nostra provincia.

La politica non può più sottrarsi alle proprie responsabilità essendo la politica stessa responsabile di decenni passati ad effettuare tagli in maniera indiscriminata non prevedendo i catastrofici effetti che presto o tardi sarebbero sopraggiunti. Oggi, con un contratto scaduto da 779 giorni, e con la Polizia di Stato a tutto campo nell’emergenza pandemia, servono chiari e precisi impegni politici e concrete risposte agli uomini e alle donne in divisa, ma anche e soprattutto alla cittadinanza.

Un piano straordinario di assunzioni e di investimenti sulla sicurezza attuato nell’immediatezza potrebbe salvare parzialmente una situazione futura che si annuncia drammatica, coinvolgendo i sindacati in una discussion ad ampio respiro ed ascoltando le rivendicazioni della categoria abbandonata a se stessa dalla politica da troppi anni» – afferma il segretario generale provinciale di Silp Cgil Uil Polizia Antonio Peroni.