Quantcast
Lutto

Sanremo, addio Massimo Pillitteri morto a soli 45 anni

riviera24 massimo pillitteri morto

Sanremo. Dramma nella frazione collinare di Poggio. E’ mancato, portato via da un male incurabile a soli 45 anni, Massimo Pillitteri. Persona solare e gioviale, amava la forma fisica e si allenava in palestra quasi quotidianamente.

Così lo ricorda su Facebook Dani, con il quale condivideva la passione per il fitness «Ti scrivo questa lettera perché così potrai leggerla da lassù, non avrei mai pensato di dovertene scrivere una, non così presto. Mi manchi già tantissimo, l’altro giorno sono andato nel nostro solito bar ma non è la stessa cosa senza di te, sono vuoto. Mi manchi, mi mancano le nostre giornate, le risate, gli allenamenti in palestra e i nostri caffè. Dio quante vaschette di gelato che abbiamo mangiato, e quante pizze. Quando ero con te non poteva mancarmi il sorriso, eri il sole, la bontà in persona. Ero il tuo campione come mi chiamavi tu, mi hai sempre protetto da chi mi criticava per la mia passione, mi hai ascoltato quando avevo ansie o incertezze, mi hai elogiato e soprattutto credevi in me, quanto ci credevi. Hai sempre creduto in quello che facevo, mi dicevi di andare avanti e di non mollare, che la gente è invidiosa, quell’invidia che nei tuoi occhi non ho mai visto. E adesso chi mi ascolta Massimo? Devi tornare qui perché ho bisogno di te, ti avevo chiesto di resistere perché volevo i tuoi auguri per il mio compleanno, ma ho chiesto troppo e ti chiedo scusa, è l’egoismo di chi vuole bene. Come faccio senza di te, perché mi hai lasciato solo così presto Massimo, perché? Oggi almeno ci siamo salutati un ultima volta, con le lacrime agli occhi entrambi, e solo oggi ho trovato il coraggio di dirti ti voglio bene, continuerò a scriverti come ho sempre fatto in questi mesi, perché ti devo tenere aggiornato su tutto, e so che anche se non leggerai i messaggi, da lassù mi vedrai, sorriderai con i tuoi occhi piccoli e gioiosi e mi starai accanto. Sei stato tanto per me Massimo, mi dispiace di non aver potuto fare niente. Adesso però vai lassù e insegna a qualcuno a fare gli squat eh, che battono la fiacca. Allenarsi non sarà più lo stesso, ma ti prometto Massimo che diventerò quel campione che hai sempre detto sarei diventato, te lo prometto».

Lascia i genitori Carolina e Michele, il fratello Roberto, la sorella Rosina. I funerali si terranno oggi alle 14.30 nella parrocchia Santa Margherita di Poggio.

Più informazioni
commenta