Quantcast

Prosegue la protesta degli artisti in bicicletta, l’arrivo lunedì pomeriggio in piazza Colombo

"L'ultima ruota" ha visto artisti e tecnici dello spettacolo partire da Milano per raggiungere il Festival

Più informazioni su

Genova. L’Ultima Ruota è arrivata a Genova, ed è stata accolta con grande entusiasmo e affetto dagli artisti e dagli operatori culturali della città. I percussionisti della Banda Faladeira hanno accompagnato L’Ultima Ruota dalla ruota panoramica, nella zona Expo, attraverso i vicoli, fino ai Giardini Luzzati, dove si è svolto l’incontro pubblico, organizzato dalla cooperativa Il Cesto, in collaborazione con Goodmorning Genova.

Hanno partecipato all’incontro: il Teatro della Tosse, il Teatro del Piccione, Davide Ferrari e Yana direttore e cantante della banda di piazza Caricamento, la fisarmonicista Franca Pampaloni (trio Trioche), La Bandita. Hanno aperto l’incontro i lavoratori e le lavoratrici del Coordinamento Emergenza Spettacolo Liguria, che hanno ribadito che “la cultura non è un lusso decorativo che ci si concede solo nei momenti buoni. È necessario ripartire dall’arte e la cultura”.

Amedeo Romeo, direttore del Teatro della Tosse, ha simbolicamente aperto all’Ultima Ruota il foyer del teatro e ha dichiarato: “Il Teatro non è l’ultima ruota del carro, è un motore della società ed è un settore strategico. Ogni giorno di chiusura dei teatri danneggia tutti i cittadini, dal punto di vista culturale, sociale ed economico. La Fondazione Luzzati-Teatro della Tosse vuole tornare a fare spettacolo, ad accogliere il pubblico a far lavorare artisti e tecnici. Il nostro teatro è in fermento, facciamo prove, scriviamo progetti, programmiamo il futuro, ma vogliamo fare di più, vogliamo tornare a ricoprire la nostra funzione nel rapporto con la città, vogliamo tornare a garantire ai nostri collaboratori lavoro continuativo, vogliamo tornare ad ospitare spettacoli. Abbiamo voluto la bicicletta e saremo ben contenti di pedalare”.

Le prossime tappe:

Sabato 27 febbraio – 4^ tappa: Genova > Savona > 50 km
Partenza: ore 9, ruota panoramica, zona Expo.
ore 11.30 – Arenzano – 25 km

ore 14.15 – Albissola, piazza Armando Diaz – 50 km

Arrivo: ore 15, piazza Armando Diaz, di fronte al Teatro Chiabrera: incontro con Circolo ARCI La Saletta che organizza “Protesta Sonora” e Inquadro Clown e altri artisti della città: Aps Filmare, Officine Solimano, Raindogs House musica live, Cattivi Maestri teatro, Nuovo Film Studio cinema.
Si esce da Genova e ci si dirige verso ponente. La strada prosegue lungo la litoranea attraversando tanti bei borghi marittimi e dal forte carattere turistico. Il percorso presenta qualche leggero dislivello altimetrico, il percorso costeggia costantemente il mare.

Domenica 28 febbraio – 5^ tappa: Savona > Laigueglia > 53 km
Partenza: ore 9, via Chiodo 9.
ore 13.15 – Albenga, piazza San Michele – 42 km
Tappa intermedia a Albenga: ore 15, piazza San Michele, incontro con associazioni Krono Teatro, Zoo, Associazione Cosa Vuoi che ti Legga.
ore 16 – partenza
ore 16.45 – Laigueglia, Molo Centrale – 53 km
Arrivoore 17, Molo Centrale. Incontro con l’Associazione Qui LaigueigliaE30 e  Associazione Vecchia Laigueglia dove avverrà la lettura di Emilio Grollero.
In ogni stagione dell’anno la Liguria, terra montuosa a picco sul mare, è la meta ideale per essere scoperta in bici. Questa tappa permette di scoprire un tratto della Liguria di Ponente, con i suoi bellissimi borghi affacciati sul mare nel tratto che collega Savona a Laigueglia. Tutta la tappa si svolge percorrendo il lungomare.

Lunedì 1 marzo – 6^ tappa: Laigueglia > Sanremo > 49 km
Partenza: ore 9, corso Badarò.
ore 10.50 – Imperia, piazza De Amicis
Tappa intermedia a Imperia, ore 14
, la biblioteca civica, in piazza De Amicis. Incontro con FEM Spettacoli e gli artisti del territorio.
Ripartenza per Sanremo alle ore 15.

Arrivo a Sanremo alle 16.30, piazza Cristoforo Colombo.

La prima parte della tappa prosegue lungo la litoranea. Una volta arrivati a San Lorenzo si imbocca la famosa pista ciclabile del Ponente ligure. Proprio qui, in questo borgo affacciato sul mare, con le case colorate dei pescatori e protetto alle spalle dai monti, nasce la splendida pista ciclabile lunga quasi 24 chilometri totali, che porta fino a Sanremo. Percorrere questa tappa in bici è un’emozione unica. Il mare e il fragore delle onde da una parte, la natura incontaminata dall’altra, vanno a creare insieme una cornice che non si ritrova in nessun’altra pista ciclabile d’Italia. Una magica alternanza di colori, profumi e sensazioni accompagna i ciclisti che percorrono questa pista ciclabile, ancora più affascinante anche perché un tempo questo tratto era inaccessibile a causa della ferrovia che correva con i suoi binari di acciaio proprio nello stretto passaggio concessole dalla natura.

Pedalano:
Rita Pelusio, attrice comica e regista
Paola Piacentini, speaker radiofonica e giornalista
Roberta Paolini, attrice
Marta Pistocchi, musicista
Diego Draghi, attore circo teatro
Massimo Mennuni, scenografo e illuminotecnico
Walter Palagonia, direttore artistico L’Ora blu
Enzo Bernasconi, cicloviaggiatore, sostenitore di numerose campagne umanitarie
Vincenzo Contento, macchinista di scena
Francesco Citterio, tecnico
Guido Foddis, musicista e fondatore della Repubblica delle Biciclette
Davide Mantovani, musicista

Foto crediti @Ivano De Pinto

Più informazioni su