Quantcast

Porta marijuana e cocaina a domicilio, polizia arresta 23enne di Sanremo

Pedinato dagli agenti della Sezione Investigativa

Sanremo. Nel pomeriggio di giovedì, nell’ambito di una mirata attività di indagine inerente al traffico di stupefacenti gli operatori della Sezione Investigativa hanno arrestato L.J., 23 anni, sanremese, colto nella flagranza del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.

Il giovane, con diversi pregiudizi in materia di stupefacenti, era stato notato da alcuni giorni in compagnia di soggetti molto noti nel mondo dello spaccio. In particolare, nel corso dei numerosi appostamenti, è apparso evidente che lo stesso, adattandosi alle limitazioni sui movimenti anti-covid, aveva probabilmente organizzato un servizio di “delivery” a domicilio dello stupefacente, consegnandolo presso abitazioni o nei luoghi convenuti con i consumatori.

Durante uno di questi appostamenti, gli investigatori, osservando i movimenti sospetti del giovane e delle persone che erano in sua compagnia, hanno perquisito il pusher, la sua abitazione e la sua autovettura, senza però trovare nulla. Nonostante le ripetute rassicurazioni del 23enne sulla sua estraneità a fatti inerenti allo spaccio di sostanze stupefacenti, l’intuito degli esperti investigatori della Polizia Giudiziaria portava ad effettuare un controllo più approfondito su alcune chiavi trovate in possesso del giovane, e in particolare su una chiave elettronica presumibilmente di un garage e su una chiave di un’autovettura modello “GOLF”, chiavi di cui lo stesso non ha fornito alcun dettaglio né specificato a cosa servissero. Attraverso una rapida ricerca dei precedenti spostamenti del giovane, anche con l’ausilio delle telecamere cittadine e di alcuni locali presenti in zona, gli investigatori sono riusciti a individuare un complesso multipiano all’interno del quale poteva trovarsi il garage in uso al giovane, e dopo un’approfondita ricerca, è stato individuato un box auto con all’interno una golf corrispondente a quella con cui era stato notato nei giorni precedenti.

Il veicolo è stato sottoposto a perquisizione all’esito del quale, nel cofano posteriore, è stata rinvenuta una sacca da palestra con all’interno più di un chilogrammo di marijuana e un barattolo di plastica contenente circa 100 grammi di sostanza di “cocaina” oltre al consueto materiale per il confezionamento di vario genere.

A quel punto L.J è stato arrestato in flagranza di reato per detenzione ai fini di spaccio e veniva posta sotto sequestro la sostanza stupefacente, l’autovettura Golf, il denaro contante in banconote da diverso taglio di cui lo stesso non ha saputo giustificare la provenienza.