Quantcast

Ospedaletti, soldi a giornale in cui lavora l’addetto stampa del Comune: opposizione chiede chiarimenti al sindaco

I consiglieri d'opposizione chiedono anche se in questo contesto «venga garantita l'indipendenza e l'imparzialità dell'ufficio stampa»

Ospedaletti. Soldi del Comune a giornale in cui lavora l’addetto stampa della giunta, l’opposizione consigliare del Comune di Ospedaletti chiede chiarimenti al sindaco Daniele Cimiotti. Secondo i consiglieri di minoranza Blancardi, Taggiasco, Lugarà e D’Orazio che hanno presentato un’interpellanza apposita, la giunta comunale avrebbe deciso di affidare un incarico diretto al quotidiano online RivieraTime (di cui è giornalista l’addetto stampa del municipio assunto l’anno scorso), senza passare per una selezione tra più preventivi.

In particolare, ai consiglieri risulterebbero due distinte determine, prese poche settimane fa, per un totale di 9.800 euro di cui la metà, 4.900 euro, sarebbe destinata direttamente a RivieraTime per delle videoproduzioni (società A.B.B.C Srls) mentre l’altra all’addetto stampa. E’ a tal proposito che i consiglieri d’opposizione chiedono anche se in questo contesto «venga garantita l’indipendenza e l’imparzialità dell’ufficio stampa».

A complicare il quadro, il sindaco Daniele Cimiotti avrebbe deciso di interrompere i rapporti diretti con i giornalisti di alcune altre testate concorrenti a RivieraTime, ricorrendo anche al blocco dei numeri telefonici dei cronisti evidentemente indesiderati. Contestualmente, le posizioni ufficiali del sindaco sono iniziate ad apparire spesso in esclusiva proprio su RivieraTime, attraverso videointerviste ad hoc. «In un momento di crisi, crediamo sia ingiusto investire ulteriori risorse per la promozione, quando le priorità dovrebbero essere altre, spiega la consigliera Valentina Lugarà. La domanda che poniamo al sindaco è anche se quella del giornale scelto è risultata essere l’offerta economicamente più vantaggiosa e se c’è stata una selezione tra più preventivi».

Qui il testo completo dell’interpellanza 16022020