Quantcast

Liguria in arancione da domani, Cravero (FdI): «Scelta del ministro non fa presagire cambiamenti per il futuro»

Fratelli d'Italia lancia l'iniziativa "Sos ristoranti" a cui potranno aderire gratuitamente i titolari di attività per proporre un’azione comune d’indennizzo con la quale far valere in giudizio i propri interessi

Imperia. «Ancora una volta, verso sera, a poche ore da una domenica particolare, quella di San Valentino, arriva il fulmine sui ristoratori e pubblici esercizi. Il Ministro Speranza, appartenenza politica nota, emana il provvedimento che bolla la Liguria come arancione a cui ne consegue la totale chiusura dei ristoranti e pubblici esercizi per la Giornata degli innamorati.

E se questo la dice lunga sul modo in cui è stata trattata fino ad oggi la gestione della pandemia, fa emergere in modo netto ciò che viene sottolineato da tutte le associazioni di categoria del territorio come Fipe e ConfCommercio: i ristoratori non solo avevano già concluso le prenotazioni per il pranzo di San Valentino, ma avevano ovviamente acquistato merce e viveri che non potranno essere certamente totalmente consumati con il solo delivery.

Ennesima scelta di un ministro, peraltro confermato dal nuovo Presidente Draghi, che non fa presagire alcun cambiamento per il futuro: questo è ciò che spaventa migliaia di operatori da almeno 6 – 8 mesi. Gli esercenti hanno investito per adeguarsi ai protocolli, hanno riaperto in sicurezza, e il continuo cambiamento di “colori”, di orario, a metà weekend, con anticipo di notizie sulla chiusura di poche ore, sta facendo crollare un settore intero su cui si basa un’altissima percentuale del fatturato ligure inerente il Turismo». Queste le parole del portavoce provinciale di Fratelli d’Italia Fabrizio Cravero.

«Oggi ancor di più voglio ricordare l’iniziativa Sos ristoranti ideata da FdI a cui potranno aderire gratuitamente i titolari di attività per proporre un’azione comune d’indennizzo con la quale far valere in giudizio i propri interessi. A tal fine è necessario che essi scrivano alla mail sosristoranti@fratelli-italia.it entro il 15 febbraio. E’ assolutamente incredibile che il settore venga penalizzato in un giorno così importante», spiega Luca Lombardi, responsabile provinciale del dipartimento Imprese e Commercio.

«Vorrei ricordare l’iniziativa di Fratelli d’Italia a tutti i ristoratori di Ventimiglia e anche nella vallata intemelia: aderire all’azione comune entro il 15 febbraio perché le scelte del Governo non possono penalizzare questo settore già in crisi da tempo», dichiara Ino Isnardi, capogruppo di Fdi in Comune a Ventimiglia.