Quantcast

Imperia, al Palasalute via alla campagna vaccinale. Il sindaco Scajola: «Vaccinare anche gli accompagnatori» fotogallery

Somministrate 80 dosi al giorno, obiettivo raddoppiare nel più breve tempo possibile

Imperia. Il Palasalute di Imperia apre i battenti, ufficialmente da oggi, per la campagna vaccinazioni  riservata agli over 80 anche se,  in realtà, le prime dose sono state somministrate la scorsa settimana: gli appuntamenti sono fissati nel pomeriggio, dalle 14.30 alle 19.30, per consentire il regolare svolgimento delle attività ambulatoriali al mattino.

sergio cecchinel

Presenti anche il sindaco Claudio Scajola e il direttore generale dell’Asl1 Imperiese Silvio Falco. Scajola ha lanciato la proposta  di vaccinare anche l’accompagnatore della persona anziana per risparmiare tempo.

«Ho potuto constatare -dice il primo cittadino –  insieme al direttore generale una buona organizzazione in un luogo che si presta come il Palasalute di Imperia che è una struttura di eccellenza. E’ stata anche  l’occasione per ribadire quanto già nelle settimane scorse avevo fatto presente, che dobbiamo accelerare con orari  più lunghi per i vaccini, evitando che le persone vengano due volte prima con l’anziano vaccinato poi  l’accompagnatore che poi devo ritornare,  semplificando in modo che quando l’anziano viene vaccinato venga vaccinato insieme a lui anche il suo accompagnatore.  Ciò farebbe guadagnare molto tempo e non farebbe tornare due volte. Mi pare che il direttore generale con grande professionalità si stia muovendo in questo senso».

In tutta la provincia di Imperia gli ultraottantenni sono 22.738, circa 3mila vengono, però,  vaccinati nelle case di riposo e nelle Rsa. Il numero delle prenotazioni sfiora i diecimila.

«Stiamo lavorando a un buon ritmo -conferma il direttore generale di Asl1 Imperiese Silvio Falco –  in base alla disponibilità di spazi che abbiamo oggi. Siamo nei tempi e mi dicono  che non va persa nessuna prenotazione e questo ci fa molto piacere. Stiamo pensando come migliorare in qualche modo, anche decidendolo con il governo regionale, la capacità di risposta, per esempio  potendo vaccinare non solo l’ultraottantenne, ma anche l’accompagnatore. Questo sarebbe importante perché ridurrebbe i tempi aumentando notevolmente la copertura. Qui al Palasalute di Imperia  abbiamo cominciato con 48 dosi , oggi sono 78/80, l’obiettivo è 160. Probabilmente inseriremo dei sabati e domeniche nelle programmazione. Si può dire che l’ostacolo più grande si è la velocità nell’arrivo dei vaccini, è questo il tappo di bottiglia, però penso che si si si risolverà il giro di qualche settimana. Quando i vaccini ci saranno dovremo essere efficienti nel vaccinare il più alto numero di popolazione nel minor tempo possibile».

Tra i primi a ricevere il vaccino l’ex capo ufficio messi del Comune Sergio Cecchinel, 83 anni,  oggi impegnato nel recupero di manufatti storici della città come da ultimo l’edicola votiva di Palazzo Berio.