Quantcast

Diano Marina, gigantesco masso crolla a due passi dall’Aurelia foto

E' avvenuto nei giorni scorsi, l'enorme pietra si è fermata sul terrapieno sopra al piazzale dell'ex Rondinella

Diano Marina. Un gigantesco masso si è staccato dalla parete sulla sommità di Capo Berta: fortunatamente è stato contenuto dal terrapieno del piazzale dell’ex ristorante “La Rondinella“.

E’ stato fatto, poi, rotolare a cura della proprietà nello spiazzo dove un tempo sorgeva un distributore chiuso negli anni Sessanta proprio per il pericolo frane e poi adibito a parcheggio del punto di ristoro situato sulla sommità del Berta.

L’evento accaduto nei giorni scorsi senza danni a persone o cose, riporta, però, in primo piano la tematica della franosità del versante, sia sopra l’Aurelia che nella parte sottostante la Statale che incombe sull’Incompiuta, non a caso, interdetta da tempo nel tratto dianese.

Sul punto interviene l’ex presidente del consiglio comunale Marco Perasso: «Mi stupisce l’assenza di iniziativa da parte delle autorità locali oltre che la “ latitanza” della provincia e, soprattutto, della Regione Liguria, in quanto il problema non riguarda solo il Comune di Diano Marina , sul cui territorio è avvenuto il crollo, ma anche l’intero comprensorio del golfo dianese e i collegamenti tra da e per  l’estremo ponente ligure. Mi verrebbe da proporre di sfruttare le conoscenze  delle Università di Genova, Torino e Milano in materia di Geologia e di Ingegneria civile per addivenire ad una soluzione definitiva del problema, soluzione che dovrebbe procedere di pari passo con la progettualità architettonico e funzionale del recupero, all’uso quotidiano pedonale e ciclabile ,di quello stupendo tratto di costa che è rappresentato dal versante mare di Capo Berta».

(foto Christian Flammia)