Quantcast

Demanio, Gagliardi (Cambiamo!): «Revisione urgente dei canoni minimi del demanio marittimo»

«L’aumento previsto nella legge 126/2020 incide paritariamente su ogni concessione e avrà effetti devastanti sull'economia di tutte quelle micro concessioni demaniali»

Genova. «E’ assolutamente importante continuare a insistere sulla richiesta di revisione dei canoni minimi del demanio marittimo. L’aumento previsto nella legge 126/2020 incide paritariamente su ogni concessione e avrà effetti devastanti sull’economia di tutte quelle micro concessioni demaniali (ormeggi, gavitelli, cartelloni pubblicitari, e altro) che, sino ad oggi, resistevano pagando un importo annuale più basso e proporzionato alla occupazione» – dichiara in una nota la deputata di Cambiamo! Manuela Gagliardi.

«L’aumento a 2.500 euro della soglia minima non solo ricadrà sulle realtà connesse alla piccola nautica da diporto, che spesso sono produttive solo di utili molto limitati, ma inciderà anche sulle attività più strutturate, che dovranno pagare oneri rilevanti per quelle concessioni accessorie di ridotte dimensioni che sono pertinenzialmente collegate alle attività principali. Ho già presentato un’interrogazione per sapere in che tempi e modi il governo intende intervenire, è fondamentale non continuare a vessare il settore che è già gravemente segnato dalle conseguenze economiche dell’emergenza sanitaria causata dal Covid-19», conclude.