Quantcast

Covid in Liguria, Giovanni Toti: «Vaccini a tutti gli over 80 entro fine maggio»

Si procede a tappe forzate per fare fronte a tutte le richieste

Genova. «Si tratta della più grande campagna mai svolta nella storia di Italia, è normale che ci siano incomprensioni, è stata una scelta che abbiamo voluto fare per venire incontro alla maggior parte delle esigenze manifestate dai territori, bisogna tenere presente che il sistema di vaccinazione avviene in modo misto e che in questo momento purtroppo è inevitabile che vi siano incomprensioni, anche a ragione della comprensibile ansia di avere una data di vaccinazione. Il sistema di vaccinazione può avvenire attraverso prenotazione diretta, le agende sono stata implementate questa mattina in modo tale che entro il 30 maggio, tutte le persone che hanno diritto ad avere il vaccino in questa fase, la cosiddetta uno allargata, l’avranno entro quella data. Per la divisione dei vaccini che abbiamo nella regione, tra ultra 80enni e altre categorie da proteggere, abbiamo spalmato nella regione i numeri che pensiamo di ricevere: 21mila vaccini alla settimana. Se dovessero arrivare più vaccini ovviamente siamo pronti a modificare la nostra programmazione» – dice il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti facendo il punto sui vaccini anti Covid-19.

«Ci sono stati alcuni disguidi e incomprensioni. Le persone con più di 80 anni che non possono muoversi, cioè iscritte alle liste di disabilità con assistenza delle aziende sanitarie, verranno contattate direttamente dalle aziende sanitarie purché siano registrate presso i servizi sociali dei Comuni o presso le aziende sanitarie per la loro invalidità. Verrà fissato un appuntamento e andranno a vaccinare a domicilio a partire dal 1 marzo. Se un anziano non è iscritto a nessun registro di accompagnamento quotidiano da parte del nostro sistema sanitario regionale si deve rivolgere al proprio medico di medicina generale per avere vaccinazione a domicilio» – spiega il governatore ligure.

«Bisogna evitare l’accaparramento di posti che rischia duplicazioni. Il sistema funziona, abbiamo moltissime prenotazioni: i tempi non sono ulteriormente comprimibili senza cambiamenti nei tempi di consegna previsti dalla struttura commissariale. La nuova programmazione prevede che riceveremo gli ultimi vaccini utili per vaccinare tutto il campione degli ultraottantenni nell’ultima settimana di maggio. Il sistema entrerà in funzione nelle prime due settimane di marzo, avremo la capacità di analizzare quante persone effettivamente, che si sono prenotate in agenda, liberano il posto perché poi hanno partecipato al Vaccine day nel loro comune e quanti anziani avranno la somministrazione a domicilio. Stiamo per somministrare oltre 150mila vaccini nell’arco di 90 giorni» dichiara Toti.

Filippo Ansaldi

«Le ultime dosi necessarie sono state consegnate questa settimana. La popolazione ligure target degli over 80 ammonta tra i 155mila e i 170mila. Manterremo come media 19mila dosi a settimana che saranno destinati agli over 80 e i restanti 2mila alla fase ‘1 allargata’ . In Asl1 la produzione richiesta fino al 15 marzo è di 2534 somministrazioni a settimana su 22736 di popolazione over 80» – dice il dottor Filippo Ansaldi.