Quantcast

Coronavirus, riapertura impianti sciistici in discussione. Toti: «Gli italiani sono stanchi»

«Questo modus operandi mette in discussione la credibilità del Paese e delle sue istituzioni»

Genova. «Ci risiamo! Il Cts (Comitato tecnico scientifico, ndr) a 24 ore dalla riapertura degli impianti sciistici rimette tutto in discussione. Dopo la beffa dei ristoranti chiusi a un giorno da San Valentino, con le inevitabili conseguenze che stiamo vedendo in queste ore, ora si chiude anche lo sci. Mi sa che questi tecnici vivono lontani dal mondo reale». Lo dichiara il presidente di Regione Liguria Giovanni Toti, appresa la notizia che dello stop all’apertura degli impianti che il Cts ha chiesto al ministero della Salute Roberto Speranza.

«Le società di gestione delle attività sciistiche hanno già assunto personale e organizzato l’apertura – dichiara Toti -. Questo modus operandi mette in discussione la credibilità del Paese e delle sue istituzioni, che il giorno prima dicono una cosa e il giorno dopo ne fanno un’altra. Basta incertezze! I cittadini si sentono presi in giro. Si abbia il coraggio di decidere, di prendersi responsabilità e di conciliare una volta per tutte il sacrosanto diritto alla salute con quello al lavoro. Serve subito un cambio di marcia e ci auguriamo che il Presidente Draghi dia un segnale in questa direzione, glielo abbiamo chiesto e glielo ribadiamo oggi con grande preoccupazione. Gli italiani sono stanchi!».