Quantcast

Coronavirus, Comune o distretto? Ecco come comportarsi per evitare multe

Finché la Liguria resta in zona arancione permane il divieto di lasciare il proprio Comune. Se invece si passerà al giallo gli abitanti del distretto Ventimigliese non potranno spostarsi al di fuori di esso

Sanremo. Dobbiamo restare nel nostro Comune o possiamo spostarci all’interno del distretto Ventimigliese? É una domanda che in molti si pongono da quando ieri è entrata in vigore l’ordinanza firmata dal governatore ligure Giovanni Toti che ha inasprito le misure di contrasto al Covid-19 per l’estremo Ponente.

La Liguria sarà con certezza colorata di arancione almeno fino alla giornata di sabato, ma da domenica 28 febbraio le cose potrebbero cambiare: a seconda del rapporto dell’Istituto Superiore di Sanità, il ministro Roberto Speranza potrebbe classificare la Ligure in zona gialla, con il conseguente allentamento delle restrizioni attualmente in vigore, oppure mantenere l’area arancione.

Cosa cambia per il distretto socio sanitario Ventimigliese? Per l’estremo Ponente, il presidente di Regione Liguria ha di fatto imposto una zona arancione rafforzata visto che, a causa della vicinanza con la Costa Azzurra, dove la circolazione del virus è altissima, i casi di positivi al Covid-19 sono molto superiori alla media regionale. In sostanza, finché tutta la Liguria resta in zona arancione, permane il divieto di lasciare il proprio Comune se non per motivi di lavoro, salute o necessità.

Se invece dalla prossima settimana la Liguria dovesse entrare in area gialla, chi risiede nel distretto Ventimigliese potrà spostarsi nei Comuni del proprio ambito, ovvero: Airole, Apricale, Bordighera, Camporosso, Castel Vittorio, Dolceacqua, Isolabona, Olivetta San Michele, Perinaldo, Pigna, Rocchetta Nervina, San Biagio della Cima, Seborga, Soldano, Vallebona, Vallecrosia e Ventimiglia. Saranno invece preclusi, a meno che non ci siano valide motivazioni, spostamenti al di fuori del distretto.

L’ordinanza di Toti resterà in vigore fino al prossimo 5 marzo.