Quantcast

Bordighera, verde come patrimonio da preservare: al via il censimento informatizzato di 655 esemplari

Al fine di verificarne le condizioni di salute, pianificare eventuali interventi per il loro mantenimento o stabilirne la sostituzione perché malati e a rischio caduta

Più informazioni su

Bordighera. Il verde come patrimonio da preservare, valorizzare e tutelare per una maggior sicurezza del territorio e per una migliore fruibilità da parte dei cittadini. Questo l’obiettivo con cui l’Amministrazione di Bordighera, per la prima volta, ha dato il via ad un censimento informatizzato del verde per valutare le condizioni fitostatiche di circa 655 esemplari sull’intero territorio comunale, al fine di verificarne le condizioni di salute, pianificare eventuali interventi per il loro mantenimento o stabilirne la sostituzione perché malati e a rischio caduta.

Un approccio professionale e organico che la Giunta ha approvato con la delibera n. 34 su proposta di Stefano Gnutti, assessore con delega al decoro urbano e all’ambiente, che così commenta: «La sicurezza dei cittadini è uno degli obiettivi fondamentali nella gestione delle alberature pubbliche e comporta un preciso impegno nel mettere in atto misure di monitoraggio delle condizioni di stabilità delle piante al fine di evitare situazioni di rischio. Per questo motivo abbiamo voluto che la stagione delle potature ormai alle porte avesse inizio con il supporto di un servizio di indagine e controllo fitostatico da parte di professionisti agronomi».

Il piano di lavoro comprende mappe in Qgis censimento alberi e palme; quadro censimento in excel (database); schede abbattimento palme e alberi; elazione censimento e VTA; tracce resistograph su alberi saggiati con strumentazione; 64 fotografie relative ai casi significativi VTA.

Continua quindi il percorso iniziato dall’Amministrazione per concretizzare una visione della città di Bordighera intesa come ecosistema urbano che interagisce con il mondo arboreo utilizzando le migliori tecnologie di studio, di indagine e conoscenza, con l’obiettivo di non dover mai più intervenire in urgenza ma di far crescere e sviluppare il patrimonio verde con la cura e l’attenzione dovute.

Il censimento informatizzato sarà infine strumento utile alla Redazione del “Bilancio Arboreo” (dettato normativo ai sensi art. 3-bis Legge 14 Gennaio 2013 n.10), il quale a sua volta sarà uno degli elementi di conoscenza essenziali da integrare nel nuovo Piano Urbanistico che dovrà essere approntato nel prossimo futuro.

Più informazioni su