Quantcast

Bordighera, su giardini Lowe sindaco Ingenito attacca consigliere Lorenzi: «Non vuole il bene della città»

Il campo polifunzionale per i giovani porterebbe troppo rumore. «Da tempo i giardini accolgono i ragazzi nella pratica dello sport»

Bordighera. «Il Consigliere Lorenzi ci riprova e anche questa volta non è sola! Un altro tentativo di bloccare un’opera che la Città attende da anni e che la nostra Amministrazione sta realizzando». A parlare è il sindaco di Bordighera Vittorio Ingenito, che commenta sulla propria pagina Facebook la richiesta, formulata al segretario comunale, del consigliere di minoranza Mara Lorenzi (Civicamente Bordighera) di esprimere un parere legale sulla volontà della giunta di realizzare un campo polifunzionale all’interno dei giardini Lowe di via Vittorio Veneto.

«Dopo il ricorso al TAR per impedire i lavori in piazza Stazione ed il tentativo di ostacolare l’intervento di manutenzione dei marciapiedi di via Aldo Moro, giorni fa è giunta una richiesta dalla minoranza a firma del Consigliere Lorenzi di un parere legale in merito a possibili contenziosi sulla nostra scelta di creare all’interno dei giardini Lowe il nuovo campo polivalente per i ragazzi – dichiara Ingenito – Abbiamo risposto oggi con una relazione per evidenziare come in passato gli stessi giardini abbiano già ospitato numerose manifestazioni sportive (pallacanestro e pallamano) e siano stati per diverse generazioni di ragazzi (compresa la mia) un luogo sicuro di aggregazione».

«Non solo: la scorsa estate sono stati sede dell’Edu Camp Smart del Coni e da sempre al loro interno un’area è dedicata al parco giochi per i bimbi. Forse queste non sono attività “rumorose”? – aggiunge il sindaco – Sono consapevole che il Consigliere Lorenzi per molti anni non ha vissuto a Bordighera e poco conosce della sua storia più recente, ma credo che tutti dovrebbero essere maggiormente consapevole di come i giardini Lowe negli anni abbiano garantito una serena convivenza tra i più anziani e i più giovani, soprattutto in considerazione della loro ampiezza».

«Spiace che le iniziative volte ad offrire alla città quelle strutture e quei servizi che attende da anni vengano sempre osteggiate – conclude Vittorio Ingenito – Questo è un atteggiamento di ostruzionismo che non fa bene a nessuno». 

Di seguito la risposta del segretario generale in formato pdf: Risposta giardini Lowe