Sanremo, cluster a Casa Serena: l’interpellanza dei consiglieri Cozza, Artioli, Lombardi e Correnti

Per avere i dati relativi alla frequenza con cui il personale viene sottoposto a tampone di controllo

Sanremo. A firma dei consiglieri Cozza, Artioli, Lombardi e Correnti questa mattina è stata inoltrata via Pec al protocollo comunale un‘interpellanza sulla situazione di Casa Serena.

Ecco il testo dell’interpellanza:

«I sottoscritti Consiglieri Comunali

PREMESSO

Che nel corrente periodo post estivo e invernale la curva dei contagi da Sars 2 – Covid 19 e dei conseguenti ricoveri e decessi, dopo una pregressa stasi nella stagione calda, è ripresa con rinnovato vigore, richiedendo vieppiù sforzo da parte delle strutture sanitarie per fronteggiare  la situazione;

Che nuovamente la fascia di popolazione più sensibile e vulnerabile alle conseguenze nefaste della malattia appare essere quella degli anziani, per ciò solo già meritevoli di apposite tutele e cautele periodo estivo;

Che proprio per tale ragione  vari interventi normativi e regolamentari si sono succeduti, tra cui la delibera Alisa 389 del 28.10.2020, per disciplinare le modalità attuative della prestazione dei servizi di assistenza e cura presso strutture residenziali per anziani e strutture semiresidenziali e centri diurni, imponendo il rispetto di standard e prassi operative volti a evitare la diffusione del contagio nelle strutture oltre che a assicurare la miglior gestione  di situazioni di crisi sia avuto riguardo a ospiti e pazienti che personale, limitando anche l’ingresso di nuovo pazienti da domicilio ai casi di sola necessità improcrastinabile, come ribadito nella nota 16.11.2020 n. 52569 della ASL1;

Che purtroppo è notizia di questi giorni l’insorgenza di un cluster di diffusione epidemica presso Casa Serena, struttura di proprietà e gestione comunale, con decine di contagi tra ospiti e membri del personale, che ha fatto registrare purtroppo anche la prima vittima tra coloro che, ospiti della struttura, hanno contratto il contagio all’interno della stessa;

Che è prioritario avere comprensione di cosa sia accaduto, per consentire una tale diffusione del contagio, di modo che si possano attivare quelle best practices necessarie per evitare il ripetersi di situazioni analoghe in futuro oltre che per approntare nell’immediato, di concerto e sotto la direzione delle Autorità Sanitarie,  gli interventi necessari volti a ridurre e contenere le possibili conseguenze negative;

ciò premesso svolgono formale

INTERPELLANZA

per avere i dati relativi alla frequenza con cui il personale, alle dipendenze dirette della struttura ovvero della cooperativa cui sono affidati servizi all’interno della stessa, viene sottoposto a tampone di controllo, specificando eventuali differenziazioni tra diverse categorie e mansioni, con riferimento alle varie mensilità da settembre a oggi;

per avere informativa su quale procedura venga adottata, per prevenire la possibilità di contagio all’interno della struttura, all’atto del rientro in servizio di personale in ferie, sempre specificando eventuali differenziazioni tra diverse categorie e mansioni, con riferimento alle varie mensilità da novembre  a oggi;

per avere informativa sulle procedure di gestione degli ingressi in struttura degli ospiti e pazienti provenienti da ricoveri ospedalieri e/o dal domicilio, con indicazione di eventuali variazioni dei protocolli adottati in concreto nel periodo da settembre a oggi;

per avere informative sulla creazione di apposita zona “buffer” come previsto dalle nota Alisa del 4.5.2020 ( n. 12526) e dalla delibera Alisa del  21.5.2020 ( n. 185);

per avere informative sulle procedure e protocolli adottati nell’ordinario quotidiano per l’ingresso di personale e corrieri e fornitori in struttura  e circa tipologia, numero e durata dei dispositivi di protezione individuale in uso al personale,  con indicazione di eventuali variazioni dei protocolli adottati in concreto nel periodo da settembre a oggi e  specificando eventuali differenziazioni tra diverse categorie e mansioni, con riferimento alle varie mensilità da settembre a oggi;

per avere informative sulle procedure adottate per la raccolta dei rifiuti, rifiuti speciali e sulle zone sporco/pulito della biancheria degli ospiti  e della biancheria piana;

per avere informative sulla turnazione del personale e sulla sostituzione dello stesso per malattia e sulle modalità applicative dei requisiti e limiti  regionali in tema di somministrazione del personale;

per avere informative su quali misure siano state adottate per fronteggiare la situazione in essere e per prevenire eventuali recrudescenze;

Si richiede risposta orale con consegna altresì di relazione scritta analitica» – scrivono i consiglieri comunali Federica Cozza, Andrea Artioli, Luca Lombardi e Gianpiero Correnti.