Riva Ligure, 400 mila euro per le famiglie colpite dalla crisi e “angeli” del Covid

Tutte le misure spiegate dal sindaco Giuffra: «In un anno straordinario occorrevano misure straordinarie»

Riva Ligure. Ammontano a 400 mila euro i “bonus” elargiti dall’amministrazione comunale per le famiglie colpite dall’emergenza covid e per coloro che si sono impegnati in prima fila nel tentativo di arginarla. Ad annunciarlo è stato il sindaco Giorgio Giuffra.

sindaco giorgio giuffra

Nel piano di aiuti messo in campo dall’amministrazione monocolore in carica c’è una sorta di Super Cashback sulla tariffa della Tari. Nel 2021 tutti i cittadini in regola con i pagamenti potranno godere di una riduzione pari al 50% dell’importo pagato. Uno sconto sulla Tari arriverà anche per bar e ristoranti e per tutte le altre attività chiuse da Dpcm: riduzione del 50% per quelle che hanno dovuto chiudere, 10% per chi ha mantenuto aperto.

Il Comune ha anche pensato a un “bonus etico” del 10% sempre di sconto sulla Tari per gli angeli del Covid, ovvero medici, infermieri, oss e operatori legati a Riva.

Il bando che per Giuffra è di maggior «motivo di orgoglio» è quello rivolto alle famiglie: 100 mila euro cash assegnati secondo rigidi criteri (Isee, numero nucleo famigliare, eventuale fatturato perso, licenziamento). Le domande sono state in totale 76: famiglie in difficoltà che si vedranno ricevere 1313 euro in media, da 209 a 2515 euro. Entro e non oltre la metà di febbraio arriverà l’accredito diretto sul conto corrente indicato.

Tra le misure adottate anche quelle rivolte al mondo scuola. Dal progetto “Futuro Adesso” sono arrivati circa 41 mila euro in forma di contributo alle famiglie e ai gestori degli asili. Numeri importanti anche per il contributo buoni mensa. Infine con l’iniziativa rivolta agli anziani denominata “solidarietà alimentare” è stato possibile conferire 60 euro a testa a tutti gli anziani over 70  che vivono soli.

«Credo che in tempi di emergenza bisogna fare delle scelte. Forse alcuni avrebbero preferito fare dei lavori pubblici, ma era giusto – spiega il sindaco Giuffra – intervenire a favore delle famiglie. Se nel corso di un anno normale dal sindaco si rivolgono una decina di persone, quest’anno le persone in difficoltà si sono esponenzialmente moltiplicate. Non potevamo permetterci che le nostre famiglie subissero ulteriori cattive notizie. In un anno straordinario occorrevano misure straordinarie. Abbiamo tenuto ugualmente una parte una parte delle risorse a bilancio per favorire la ripresa in particolare del comparto turistico e floricolo. Ringrazio l’imprenditore Walter Lagorio e i cantieri nautici Diurno che hanno donato personalmente derrate alimentari per tutte le famiglie con minori a carico».

Il primo cittadino a margine della conferenza stampa ha anche riconfermato per cinque anni gli attuali componenti del Cda della fondazione asilo nodo.