Quantcast

Marcello Bellacicco: «Candidarmi a sindaco di Diano Marina? Per me sarebbe un onore gigantesco»

Il generale degli alpini da poco a riposo ripercorre anche le sue esperienze in Afganistan, Africa e nei Balcani

Sanremo. Il generale degli alpini Marcello Bellacicco, da alcuni mesi in congedo, già comandante della Julia, Capo di stato maggiore delle truppe alpine, ospite dei nostri studi ripercorre la sua esperienza di militare in Afganistan nell’ambito della missione Isaf e vice comandante del Rapid Deployable Corps della Nato, impegnato su altri fronti caldi come in Africa e nei Balcani.

marcello bellacicco collage

A pochi giorni dal decimo anniversario dell’attacco subito nella sua base da parte di un soldato afgano “dormiente”, un irregolare infiltrato,  nel quale perse la vita un militare italiano, Luca Sanna e un altro, Luca Barisonzi, rimase gravemente ferito, Bellacicco ricorda anche il sacrificio di altri due soldati italiani, il dianese Giorgio Langella  e il tabiese Tiziano Chierotti. «I caduti nella mia missione -ricorda Bellacicco –  sono stati 7 e devono essere sempre insieme a noi e anche un nostro esempio. Sono ragazzi che hanno intrapreso la vita militare di loro volontà, sono stati chiamati e hanno svolto il loro dovere con il massimo impegno e sono un patrimonio dell’Italia. I ricordi sono tanti, professionali, umani etici».

Originario della Val Bormida, Marcello Bellacicco è cresciuto nel Ponente, prima a Pieve di Teco, di cui è cittadino onorario, poi a Imperia, fino a Diano Marina, sulle orme del padre maresciallo dell’Arma dei carabinieri.

Si è fatto il suo nome come possibile candidato sindaco della Città degli aranci alle prossime elezioni amministrative.  «E’ da pochi mesi che sono in pensione –  dichiara Bellacicco –  e per me è già stato difficile non poter indossare la divisa tutti i giorni. Non c ‘è ancora nulla di ufficiale, ma sarebbe un onore gigantesco, lo dico con la massima sincerità, lo farei cercando di mettere a frutto tutte la mia esperienza, ma soprattutto ascoltando gli altri».

«Le mie idee per migliorare la città? Credo che sia prematuro, intanto devo verificare se ci sono le condizioni. Una mia idea ce l’ho in mente ed è quella di mettere in piedi una squadra di persone assolutamente disinteressate, o meglio, il cui unico interesse sia quello del bene di Diano Marina. Persone di capacità, con esperienze di settore che sia in grado di dare il proprio contributo ma che non abbiano alcun interesse di tipo personale», precisa il militare ora a riposo.

Marcello Bellacicco, infine, si rivolge ai giovani che volessero intraprendere la sua carriera: «C’è un passaggio fondamentale che apparentemente può sembrare retorico che è il giuramento, ma che è un impegno formale. Bisogna essere convinti della scelta, dopodiché si possono affrontare tanti sacrifici che, comunque, ci sono. Essere convinti, quindi, e donarsi completamente».