Quantcast

L’assessore Berrino incontra il comparto turistico ligure, «Fornire risposte tempestive»

L'obiettivo è essere pronti per la ripartenza pasquale

Più informazioni su

Genova. Il turismo in Liguria, duramente colpito dalle restrizioni causate dalla pandemia, sarà l’oggetto di un incontro infatti previsto per domani, mercoledì 27 gennaio, tra l’assessore regionale Gianni Berrino e i rappresentanti delle diverse professioni turistiche (albergatori, guide, agenzie di viaggio), delle organizzazioni sindacali e degli enti locali per discutere sulle azioni da intraprendere.

«In questi mesi il confronto con le categorie ed i territori è stato costante afferma Berrinoperché è fondamentale stare al loro fianco e, al contempo, cercare in tutti i modi di fornire risposte tempestive. Auguro al nuovo commissario di Agenzia in Liguria Roberto Moreno un buon lavoro, nella consapevolezza che nei prossimi mesi l’Agenzia dovrà continuare ad essere un soggetto strategico per dare impulso all’attività di promozione turistica e sostenere la ripartenza del settore».

«Abbiamo già dato indicazione in merito alla partecipazione di Regione Liguria alle principali fiere turistiche italiane ed europee, che ad oggi sono ancora in forma virtuale ma che speriamo, quantomeno dal secondo semestre dell’anno, possano svolgersi in presenza. Il nostro obiettivo è di organizzare appena possibile educational sul territorio, B2B e promozioni sui nostri principali mercati di riferimento», prosegue l’assessore.

«Già oggi sono allo studio campagne promozionali focalizzate sui diversi periodi dell’anno, la prima sarà tesa ad aumentare il desiderio di Liguria soprattutto nei territori a noi vicini. Stiamo lavorando attivamente anche per dare il giusto spazio alla nostra regione nelle prossime due importanti manifestazioni internazionali che avranno luogo nelle prossime settimane, il Festival di Sanremo e la corsa ciclistica Milano-Sanremo. La Liguriaconclude Berrinodeve continuare ad essere protagonista nella scena turistica italiana e mondiale, come lo è stata nei cinque anni precedenti».

 

Più informazioni su