Quantcast

Imperia, Giorno della Memoria: cerimonia in piazza Fratelli Serra e convegno in streaming al “Ruffini” fotogallery

Paolo Veziano: «Quando nei caffè di Sanremo si discuteva di mistica ebraica, poi la comunità del Ponente è stata spazzata via»

Imperia. Questa mattina gli studenti del “Ruffini” hanno ricordato nel Giorno della Memoria le vittime della Shoah e l’orrore dei campi di sterminio nazisti con un convegno trasmesso in streaming. Poco prima si è tenuta una cerimonia commemorativa in piazza fratelli Serra, Enrico e Nicola, giovani antifascisti imperiesi deportati e morti nel campo di concentramento di Mauthausen, alla presenza di autorità civili e militari.

Giorno della Memoria: cerimonia in piazza Fratelli Serra e convegno in streaming al “Ruffini”

«Una cerimonia molto semplice con la desposzione di un mazzo di fiori sulla lapide dei nostri fratelli Serra che sono morti in campo di concentramento. Loro sono  il simbolo per non dimenticare la Shoa, cosa è stato il trucidare, sopprimere vite in modo così atroce che va sempre ricordato», ha detto il sindaco Claudio Scajola.

Al convegno in occasione della Giornata della Memoria organizzato al “Ruffini”  è stata proposta una  riflessione sulla presenza ebraica nel territorio ligure nel periodo compreso tra il XVI secolo e il
tragico epilogo della Shoah. Hanno partecipato illustri storici dell’economia, della società e dell’agricoltura.

Dopo il saluto e l’introduzione del rabbino della Slovenia Ariel Haddad, hanno preso la parola  la parola Andrea Zappia, Andrea Zanini e Alessandro Carassale, tutti dell’Università di Genova, e Paolo Veziano, dell’Istituto Storico della Resistenza di Imperia. Ha chiuso i lavori Claudio Littardi, del Centro Studi e Ricerche per le Palme di Sanremo.

Gli interventi hanno riguardato la progressiva attestazione di insediamenti giudaici nei principali centri litoranei, sul ruolo sociale e finanziario delle comunità genovese, e sull’attivazione di circuiti commerciali su larga scala (legati soprattutto all’acquisto di cedri e palme per il rituale di Sukkoth), che talvolta dipendevano dalla “discesa” in Riviera di molti askenaziti.

Relativamente all’epoca contemporanea, sono state descritte sia grandi e piccole storie di disperata condizione degli ebrei nell’Imperiese in conseguenza dei provvedimenti discriminatori del 1938, sia la stagione del terrore e dei rastrellamenti nazifascisti nello stesso contesto durante il secondo conflitto mondiale.

Il convegno è stato trasmesso in diretta youtube, ma a circuito chiuso, per gli studenti delle classi 4 e 5 dell’Istituto Ruffini, ma la registrazione sarà poi visibile sullo stesso canale tra qualche giorno.