Quantcast

Imperia casa del triathlon a livello europeo: ok della Giunta al progetto

«Migliaia di atleti tutto l'anno e indotto da 3 milioni di euro» - dicono il sindaco Scajola e l'assessore Vassallo

Imperia. Far diventare Imperia la casa del triathlon a livello europeo. È questo l’ambizioso progetto al quale sta lavorando l’Amministrazione Comunale imperiese, che ha ufficializzato il proprio interesse a una proposta giunta nei giorni scorsi a Palazzo Civico. L’idea dei promotori è di valorizzare il clima favorevole, la morfologia e la varietà di percorsi ed esperienze che si possono avere a Imperia per creare un’offerta di valore sui 12 mesi per atleti e amatori.

Il tutto avrebbe il proprio culmine nell’organizzazione di una gara (o una serie di gare in un tempo a venire) come “manifesto” per far conoscere le meraviglie locali alla comunità del triathlon.

Il sindaco Claudio Scajola e l’assessore allo Sport Simone Vassallo hanno avuto una serie di incontri con il Comitato promotore, a esito dei quali la Giunta ha espresso il proprio parere favorevole a portare avanti il progetto. Sono già stati avviati contatti proficui con un importante circuito internazionale di triathlon con sede all’estero.

Il triathlon è una competizione che prevede tre diverse discipline in una sola gara: 3,8 km a nuoto, 180 km in bicicletta e 42 km di corsa. Secondo i primi studi elaborati in merito all’iniziativa, si stima un numero di atleti iscritti alla gara di circa 600 il primo anno e di 1.200 il terzo, con un indotto potenziale per la città di circa 3 milioni di euro.

«Questa Amministrazione non chiude mai la porta di fronte alle opportunità. Imperia deve crescere e per farlo deve sfruttare le enormi potenzialità a sua disposizione. L’elemento significativo è che non siamo stati noi a proporci, ma è stato questo Comitato promotore a scegliere Imperia per le sue caratteristiche. È un ulteriore dimostrazione del grande interesse che la nostra città sta attirando all’esterno. Viene vista come una città in ripresa, in cui è possibile investire su progetti di ampio respiro. Questa iniziativa, che ci auguriamo di riuscire a concretizzare già per il 2022, rafforzerà il nostro brand di Città dello Sport, avrà grandi ricadute economiche positive sulla città e farà scoprire all’esterno i nostri luoghi meravigliosi», commenta il sindaco Claudio Scajola.

«Questa proposta ci ha colpito per due ragioni. La prima è la gara: sarebbe un evento di livello mondiale che porterebbe migliaia di persone a Imperia, con tutte le ricadute positive in termini di turismo e commercio. La seconda è il legame che si andrebbe a creare con il territorio tutto l’anno: lavoro sul tracciamento di percorsi, coinvolgimento delle attività ricettive e delle associazioni sportive locali, giornate dedicate alle singole discipline. Ci sarebbe una struttura che lavorerebbe da Imperia e per Imperia 365 giorni all’anno», aggiunge l’assessore allo Sport, Simone Vassallo.