Quantcast

Festival, vertice Rai-Prefettura la parola a Intini: «E’ ancora presto per dare risposte definitive»

Sono ancora molti i nodi da sciogliere compreso quello dell'ospitalità alberghiera

Imperia. E’ terminato intorno alle 13 il primo incontro preliminare fissato in Prefettura a Imperia tra la Rai e il prefetto Alberto Intini al quale hanno partecipato anche il questore di Imperia Pietro Milone, il comandante provinciale dei carabinieri Andrea Mommo, il comandante della Capitaneria di porto Giuseppe Semeraro, Walter Mazzei comandante provinciale della Guardia di Finanza, dirigenti e funzionari delle pubbliche amministrazioni coinvolte e della prefettura.

collage vertice prefettura festival

«Riunione concordata con la Rai -spiega Intini – per essere messi a conoscenza sulle ipotesi di programmazione dell’evento che dovrebbe svolgersi ai primi di marzo, quindi per conoscere i progetti e calarli nella realtà della situazione attuale. Ancora non ci sono elementi per dare una definitiva costruzione al programma, oggi la Rai ha rappresentato delle ipotesi e noi con le forze di polizia le abbiamo valutate. Abbiamo rappresentato alcune problematiche, poi, nei prossimi giorni incontrerò per la parte sanitaria che è la più importante quest’anno da affrontare nella gestione del Festival, sia il sindaco di Sanremo Alberto Biancheri che il direttore generale dell’Asl1 Imperiese Silvio Falco e valuterò con loro tutti gli aspetti sanitari, perché è importante sia l’evento in sé che tutti gli aspetti di contorno come gli alberghi dove alloggeranno le persone. Quindi è un sistema che ancora deve essere definito e sul quale stiamo facendo le prime valutazioni, ma è ancora presto per dare una risposta definitiva».

«Ariston zona rossa? Non posso dire nulla. Da quello che è emerso oggi tutte le indiscrezioni giornaliste delle settimane passate sono tutte estemporanee. Tutte idee lanciate, alcune confermate, la maggior parte no. E’una organizzazione in itinere, non siamo in condizioni di parlare di zone rosse», conclude Intini.

(foto e video Christian Flammia)