In arabia saudita

Dakar 2021, l’imperiese Maurizio Gerini soccorre e salva Santosh

Durante la quarta tappa

Maurizio Gerini

Imperia. E’ iniziata una nuova avventura per l’imperiese Maurizio Gerini: la sua quarta partecipazione alla Dakar. Dallo scorso 3 gennaio, in sella alla sua moto, ha già affrontato cinque tappe della 43a edizione del rally Dakar, disputato per la seconda volta in Arabia Saudita, e si è messo in mostra rendendosi protagonista di un grande gesto di solidarietà: ha soccorso un pilota, Chunchunguppe Shivanskankar Santosh, caduto a terra nel corso di un tratto di percorso tortuoso e ricco di insidie.

Tra emozioni e difficoltà continua la corsa iniziata a Jeddah. «Primo vero assaggio di gara molto impegnativo!! Complice la partenza dalle retrovie e tanta polvere, è stata una prima tappa particolarmente travagliata. Ma nonostante tutto, ho recuperato qualche posizione. Inizieremo a trovare il freddo e un bel 685 km con 457 di prova cronometrata» – ha scritto sui social Maurizio Gerini commentando la 1a tappa tra Jeddah e Bisha di 622 km, di cui 277 km di speciale.

Lunedì 4 gennaio ha preso parte alla 2a tappa tra Bisha e Wadi Ad-Dawasir di 685 km (457 km): «Danzare sulle dune con il pluri campione del mondo di enduro David Knight è stato davvero emozionante, questa dakar mi piace moltissimo! E siamo solo alla seconda tappa».

Durante la 3a tappa, andata in scena martedì 5 gennaio, ha invece percorso 630 km (403 km) tra Wadi Ad-Dawasir e Wadi Ad-Dawasir. La vera impresa del pilota di Chiusanico è stata però durante la 4a tappa tra Wadi Ad-Dawasir e Riyadh di 813 km (337 km), dove, nonostante una caduta, si è reso protagonista di un gesto straordinario: ha soccorso Chunchunguppe Shivanskankar Santosh, rimasto a terra a causa di una brutta caduta. Insieme a Paul Spierings, è rimasto a rianimare Santosh dando l’allarme e fornendo le indicazioni necessarie all’elisoccorso per giungere sul luogo dell’incidente.

«Ho avuto una giornata dura durante la speciale sulla quarta tappa: prima la mia caduta senza conseguenze negative, poi ho prestato i primi soccorsi al mio amico e ora è in buone mani in ospedale. Sii forte amico mio!
Facciamo il nostro lavoro!» – commenta così l’esperienza Gerini.

Maurizio sulla 5a tappa tra Riyadh e Al Qaisumah, 661 km (456 km di speciale) dice: «Questa speciale non finiva mai oggi con luoghi fantastici, sabbia e grandi dune». Oggi il pilota imperiese affronta la 6a tappa tra Buraydah e Ha’il di 655 km (485 km).

(Foto da pagina Facebook di Maurizio Gerini)

leggi anche
Maurizio Gerini
In arabia saudita
Dakar 2021, l’imperiese Maurizio Gerini: «Sono felice dei miei primi 6 giorni»
flavio di muro
La nota
Dakar, Di Muro (Lega): «L’imperiese Gerini salva la vita a pilota, un gesto da uomo vero»
Maurizio Gerini
In arabia saudita
Maurizio Gerini cade, finisce l’avventura dell’imperiese alla Dakar 2021
Maurizio Gerini
In arabia saudita
Dakar 2021, dopo la caduta l’imperiese Maurizio Gerini torna a casa
 Maurizio Gerini
Dakar
Dakar 2021, dopo la caduta Maurizio Gerini torna a Chiusanico: «Ho voglia di rimettermi in forma per tornare a battagliare!»
commenta