Quantcast

Caos autostradale, Massimo Giacchetta (Cna Liguria): «Dobbiamo trovare soluzioni»

«Abbiamo proposto che venga valutata la realizzazione di un'app in grado di dare informazioni tempestive sulla presenza di cantieri e di conseguenza sulla viabilità e il traffico»

Genova. Massimo Giacchetta, presidente di Cna Liguria, interviene in reazione al caos autostradale che condiziona la viabilità regionale: «Fino al 2029 avremo cantieri lungo la tratta autostradale ligure, ciò significa un impatto molto pesante anche rispetto all’economia della nostra regione. Abbiamo già detto al Ministero che i cantieri autostradali non possono ribaltare sulla realtà cittadina e regionale le proprie conseguenze. Dobbiamo trovare soluzioni che permettano, in caso di aumento del traffico per mezzi pesante, di mitigare da subito la situazione, quali aree polmoni e zone di sosta dove indirizzare temporaneamente i tir per alleggerire pressione autostradale».

«Bisogna pensare ad un piano di comunicazione straordinario e fare in modo che ci sia la dovuta informazione in tempo reale sulla condizione del traffico sia per gli autotrasportatori che per i cittadini. Per questo abbiamo proposto che venga valutata la realizzazione di una app in grado di dare informazioni tempestive sulla presenza di cantieri e di conseguenza sulla viabilità e il traffico. Si deve pensare in maniera diversa –, prosegue il presidente di Cna Liguria – i lavori si devono fare per la nostra sicurezza ma dobbiamo valutare che per altri otto anni avremo dei cantieri lungo la rete autostradale e non possiamo permetterci che i disagi ricadano sulla nostra economia, già provata dall’attuale crisi pandemica».

«Inoltre, relazione all’esenzione dei pedaggi non si può ritenere che tale misura recuperi le perdite -, conclude Massimo Giacchetta -, basti pensare che si devono ancora indennizzare le imprese dei danni pregressi quantificati dal comitato Salviamo Genova e Liguria subiti nel 2020 a causa del caos autostradale».