Al via le vendite promozionali nei negozi dell’Imperiese: «Prezzi giù come ai saldi»

Fontanelli (Federmoda Imperia): «Lo Stato intervenga per salvare i negozi di vicinato»

Sanremo. Partono oggi e si protrarranno fino al giorno di avvio dei saldi, fissato per la Liguria il 29 gennaio, le vendite promozionali nei negozi di tutta la regione e, quindi, della provincia di Imperia.

Cosa sono le vendite promozionali?  L’ultimo escamotage pensato dalle categorie commerciali a tutela dei negozi di vicinato, assediati dall’invasione senza regole, né controlli, dettata dalle promozioni che si possono trovare tutto l’anno nelle grandi catene e negli store online. Con la crisi sanitaria che si è tradotta in crisi economica, i negozi di vicinato cercano di resistere alla concorrenza dei grandi gruppi e delle vendite online che hanno fatto registrare un boom con l’introduzione dei limiti agli spostamenti e i lockdown.

Motivi, questi, che hanno spinto Federmoda Liguria a fare fronte Comune con la Confcommercio per ripartire nell’anno nuovo con il piede giusto. «Il Covid ha stravolto tutto, compresa la programmazione delle attività commerciali, – spiega Antonio Fontanelli referente Federmoda -. A inizio dell’anno scorso i nostri associati si erano espressi per spostare i saldi a fine gennaio, tenuto conto delle diverse situazioni in ogni regione d’Italia. Ora il mondo è cambiato. Ecco perché, successivamente, abbiamo chiesto alla giunta regionale di anticipare le vendite promozionali. Regione Liguria è stata una delle prime a accogliere le istanze delle categorie e speriamo che questo possa servire a dare una boccata d’ossigeno al commercio.

Continua Fontanelli: «Auspico che il legislatore a  livello nazionale definisca prima o poi almeno tre macroaree – sud, centro e nord Italia – per l’avvio dei saldi e che vengano instaurati dei paletti rigidi per evitare periodi promozionali a macchia di leopardo. Altra misura fondamentale per la sopravvivenza dei negozi di vicinato e quindi dei centri città, sarebbe l’introduzione del divieto di vendite promozionali anticipate almeno sui siti italiani».

«Faccio un invito ai tanti concittadini che hanno scelto i negozi di vicinato per i regali delle feste a continuare a sostenere l’economia locale. Anche se non si può utilizzare la parola saldi, da oggi nella maggior parte dei negozi si potranno trovare prezzi assolutamente concorrenziali con quelli che verranno applicati a partire dal 29 gennaio», conclude l’esponente di Federmoda.